| categoria: politica, Senza categoria

SONDAGGI/ Lega boom, Il Pd in recupero: e adesso cosa succede?

Matteo Salvini è un politico fortunato e lungimirante. Giocare d’attacco sul caso Aquarius, tener duro sulla chiusura dei porti alla neve carica di migranti ha fatto crescere ulteriormente il suo consenso e la Lega sta rosicchiando punti, giorno dopo giorno, all’alleato di governo a cinque stelle. Il dato è chiaro ed evidente, dopo la sbornia elettorale, la formazione di questo strano governo la crisi con la Francia ha fatto da detonatore, i voti di destra che erano finiti per caso e per protesta al M5S sti stanno spostando verso il partito di Salvini, quelli della sinistra stanca di Renzi stanno tornando all’ovile del Pd. Tracce, sensazioni, percentuali volatili, certo, ma è quello che si sente e si percepisce per strada, nei bar, negli uffici. Una rilevazione di Termometro Politico – sempre attendibile – vede infatti la Lega arrivare al 28,7 %, ovvero ben 11 punti percentuali in più rispetto al 4 marzo. Il partito di Salvini, sospinto dalla linea dura del Ministro dell’Interno nel caso Aquarius, sfiora il m5s che invece, rispetto alle ultime elezioni politiche, cala al 29,5 %. Il Pd, dal canto suo, riprende fiato e sale al 21,2 %, mentre Forza Italia crolla inesorabilmente all’8,1 %, addirittura sotto il 10 % quindi. Quanto a Fratelli d’Italia, la formazione guidata da Giorgia Meloni cala al 2,8 % così come Liberi e Uguali che scende al 2,3 %. Vogliamo dire che questo trend se confermato nel tempo porterà la Lega a diventare il primo partito in Italia, a fagocitare gli alleati di governo e al tempo stesso i compagni di coalizione. Potrebbe diventare un problema serio. Grossi problemi di equilibrio all’interno dell’esecutivo in rapporto ad alcuni temi elettoralmente strategici. E che dire di quello che potrebbe accadere nelle giunte in cui la Lega governa assieme a Forza Italia?

Ti potrebbero interessare anche:

LISTE PDL/ Berlusconi: fuori gli amici per colpa di pm politicizzati
"Blowin' in the wind compie cinquant'anni
Renzi alla sfida Ue, o riforme sfidando i tabù o le tzunami
Rom e sbandati, il bluff degli sgomberi
La Meloni nel mirino del web dopo il Family Day, "mi hanno fatto male"
GERMANIA/ No al burqa negli uffici pubblici e nei cortei



wordpress stat