| categoria: Dall'interno

Torna a Viterbo il “Caffeina Festival

di WANDA CHERUBINI

Torna a Viterbo il “Caffeina Festival” (22 giugno-1 luglio 2018) , che quest’anno si apre all’insegna del #girogirotondo. Molti gli appuntamenti in programma, come ogni anno, tra incontri letterali, mostre, incontri teatrali, eventi musicali e non mancherà anche il divertimento per i più piccoli con il tradiizonale Senza Caffeina. L’ingresso giornaliero alla “Cittadella Caffeina” è di 4 euro. Tutto il programma è consultabile sul sito www.caffeinacultura.it.
Questa mattina, presso la Fondazione Caffeina, si è tenuta la conferenza stampa di presentazione della kermesse, alla presenza del presidente di Caffeina, Andrea Baffo, del direttore artistico del festival, Filippo Rossi. L’evento si aprirà questo venerdì, 22 giugno, con il concerto di Alessandro Mannarino (piazza San Lorenzo, 12 euro, ore 21). In totale ci saranno dieci grandi concerti (oltre a Mannarino, il 23 sarà la volta di Eugenio Bennato, il 25 giugno I favolosi anni ’80, il 26 Gino Paoli e Danilo Rea, il 27 Raffaello Fusaro e l’orchestra sinfonica di fiati Davide Delle cee di Bitonto, il 28 giugno Serata celtica, il 29 Sentidu Dardu, il 30 Danze ed atmosfere d’Egitto, il 1 luglio Uto Ughi ed i Filarmonici di Roma).
Baffo e Rossi aspirano a raggiungere la quota di 2 mila associati per una certa tranquillità economica (la tessera annua soci costa 50 euro).
Tra gli ospiti di Caffeina ci saranno Valerio Massimo Manfredi, Gino Vignali di Gino e Michele, Dacia Maraini, Giancarlo De Cataldo, Giulio Leoni, Luca Beatrice, Marco Damilano e Massimo Fini, Gioele Dix, Massimo Bagnato e Pinuccio di Striscia la notizia. Ci sarà, anche quest’anno, lo JazzUp Festival che questa volta si posiziona in Piazza della Morte, mentre in piazza del Gesù si ballerà.
Filippo Rossi prende la parola per lamentarsi dell’ammistrazione comunale Michelini che non ha sostenuto Caffeina, ponendo ostacoli burocratici. “Caffeina è una risorsa che l’amministraizone dovrebbe sostenere” – incalza Rossi.
Andrea Baffo rincara la dose: “Devo ringraziare la Diocesi che mette a disposizione Palazzo dei Papi e che sembra il vero Comune, più dello stesso comune, silente. Sembriamo ricchi più di quello che non siamo, sembriamo grandi produttori di eventi culturali, invece siamo una struttura in difficoltà e con qualche debito che ama il proprio lavoro e lo condivide con collaboratori preziosi”.
Presente alla conferenza di oggi anche l’imprenditore Carlo Rovelli (C.R.Technology Sistems, grande sponsor di Caffeina) che ha evidenziato l’atteggiamento particolare dei viterbesi, pronti a mettersi gli uni contro gli altri per ogni accadimento culturale, per poi ritrovarsi la sera del 3 settembre “tutti d’un sentimento” sotto la Macchina di S. Rosa. “Manca la coesione” – conclude Rovelli.

Ti potrebbero interessare anche:

Telecom: Elio Catania indagato per insider trading
L’Arabia Saudita investe 30 milioni per restaurare monumenti in Sicilia
«La batteria può esplodere»: Samsung sospende vendita del Galaxy Note 7
Nessun vento di crisi sul turismo, anzi
Migranti, sindaca Pd Codigoro: "Più tasse a chi ospita"
Bolzaneto, fu tortura: la corte di Strasburgo condanna l'Italia



wordpress stat