| categoria: Roma e Lazio

Viterbo, torna lo “Slow Food Village”

P1280364di WANDA CHERUBINI-

VITERBO- Torna lo “Slow Food Village” in piazza del Sacrario con una serie di importanti appuntamenti culinari e non solo ed alcune novità. Questa mattina, presso la ex chiesa degli Almadiani, si è tenuta la conferenza stampa di presentazione dell’evento, illustrato da Luigi Pagliaro, responsabile ufficio stampa della Camera di Commercio di Viterbo, insieme a Claudia Storcè, in rappresentanza dello Slow Food di Viterbo, di Roberto Loffredi, responsabile comunicazione Ais (Asociazione Italiana Sommelier), di Carlo Zucchetti, noto enogastronomo e di Cosimo Gravina. Tema portante di quest’anno “Il cibo buono, pulito e giusto salva il mondo”. Incontri, dibattiti, laboratori del gusto, stret food, pizzeria slow, enoteca, oleoteca, birroteca, scuola di cucina, show cooking, pic-nic rubano ed area educativa bambini. Questi gli ingredienti dello Slow Food Village, che aprirà i battenti questo venerdì, 22 giugno, alle ore 18,30 alla presenza di auturità istituzionali. Questa sesta edizione di Slow Food Village è patrocinata da Slow Food Italia, Slow Food Lazio, Regione Lazio, consiglio regionale del Lazio, Provincia di Viterbo, Comune di Viterbo, Camera di Commercio di Viterbo, Università degli studi della Tuscia, Confcommercio, Confesercenti, Fderlazio, Confimprenditori, enoteca povinciale della Tuscia. Partner l’associazione italiana sommelier- Ais delegazione di Viterbo, Il Giardino di Filippo, il Giornale enogastronomico di Carlo Zucchetti, Crico Verde Teverina Buskers e la rivista Decarta.

Tra i tanti appuntamenti Luigi Pagliaro ne ha evidenziati alcuni come quello del 22 giugno alle ore 21 con lo chef Iside De Cesare ed a seguire, alle ore 22, quello con Riccardo Cotarella, presidente Assoenologi. Sabato 23 ci sarà alle ore 21 Anna Moroni, mentre domenica 24 è previsto un incontro dedicato al mondo vegano , ricordando Marilina Fravolini. Ed ancora: lunedì 25 giugno incontro con Alessandro Scorsone, maestro cerimoniere di Palazzo Chigi e martedì 26 incontro con Maurizio Filippi, miglior sommelier dell’anno 2016.

Sempre lunedì 25 giugno appuntamento con gli artisti di strada con Andrea Farnetani alle ore 22. Mercoledì 27 sarà la volta di Maurizio Menichetti, del ristorante Da Caino di Monteromano. Giovedì 28 ci saranno Giorgio Barchiesi, detto Giorgione, cuoco, scritttore e conduttore televisivo (ore 22) ed alle ore 23 Giuseppe Garozzo Zannini, l’aristocratico del gusto. Venerdì 29, infine, ci sarà Andrea Lo Cicero, ex rugbista, conduttore televisivo e produttore di zafferano, mentre sabato 30 sarà la volta di don Franco Monterubbianesi, fondatore della comunità di Capodarco.

Domenica 1 luglio lo Slow Food si conclude con il Premio Evolove 2018 alle ore 19, cerimonia di premiazione dei migliori oli extravergine di oliva della Tuscia ed alle ore 22, i “Pasti imperiali” con Gabriella Cinelli, archeochef.

Dieci giorni, quindi, di manifestazione per tutti i gusti e per tutte le età. Come, infatti, evidenziato da Claudia Storcè, tra le novità di quest’anno ci sarà un ampio spazio dedicato ai bambini con tre eventi giornalieri. Non mancherà poi, altra novità di questa edizione, lo spazio osteria, che diventa Pizzo Osteria, un ristorante all’aperto con posti a sedere con offerta di piazza. “L’offerta gastronomica di quest’anno – prosegue Storcè – riguarda lo street food ed abbiamo intensificato la presenza di produttori locali. Ci saranno dibattiti che terremmo sia nell’area Arena che all’interno della chiesa degli Almadiani. Confermata anche la Birroteca con birre nazionali ed internazionali”.

Ci sarà, infine, un appuntamento dove verranno dati i voti alle varie mense scolastiche di Viterbo. Una serata, poi sarà dedicata alla cucina calabrese.

“Con queste iniziative – ha rimarcato Zucchetti – vorremmo far capire meglio le ricchezze del nostro territorio. Obiettivo è quello di far girare prodotti di qualità anche sulle nostre tavole”.

Infine, il 22 giugno alle ore 22 verrà presentato anche un prodotto editoriale dedicato ai produttori locali.

Tutte le ulteriori informazioni sullo Slow Food Village si possono reperire sul sito: www.slowfoodvillage.it

Ti potrebbero interessare anche:

Domani sit-in a Roma, apparati sicurezza in pre-allarme
Le "sentinelle del decoro"? Romantiche ma inutili. Servono linea dura, punizioni certe, co...
GIUBILEO/ Lo dice Esposito: ok del governo a fondi per la Metro. "Ma serve un commissario"
Il Tar al Campidoglio: "Ok al Piano cartelloni ma il Comune di Roma riveda formati e lotti"...
DIETRO AI FATTI/Esercenti ed esercizi poco raccomandabili, chi li segnala alla pubblica opinione?
DIETRO AI FATTI/ Prove di dialogo Esercenti-Campidoglio



wordpress stat