| categoria: sanità

Consiglio Superiore Sanità, no a libera vendita cannabis light

“Non può essere esclusa la pericolosità della ‘cannabis light'”. E’ quanto afferma il Consiglio superiore di Sanità (Css) in un parere richiesto dal ministero della Salute sul tema, in riferimento ai “prodotti contenenti o costituiti da infiorescenze di canapa” – venduti nei cosiddetti ‘canapa shop’ diffusisi in tutta Italia – ma dei quali “non può essere esclusa la pericolosità”. Il Css raccomanda quindi che non sia consentita la libera vendita.

I prodotti contenenti o costituiti da infiorescenze di canapa sono attualmente venduti nei ‘canapa shop’ come un prodotto da collezione, dunque non destinato al consumo. Il Css mette però in guardia rispetto ad un possibile uso di tali prodotti, avvertendo che “non può essere esclusa la pericolosità” della cosiddetta cannabis o marijuana light. per questo “raccomanda che siano attivate nell’interesse della salute individuale e pubblica misure atte a non consentire la libera vendita

Ti potrebbero interessare anche:

Lombardia, per il PD la sperimentazione sulle liste di attesa è un flop
STAMINALI/ 'Presto l'inizio della sperimentazione sui malati di sclerosi multipla'
In Italia il 30-40% di ospedali e Asl sono a "emissione zero"
Abruzzo, rivoluzione sanità: Asl unica a L'Aquila e un solo ospedale di II livello a Chieti-Pescara?
Veneto. Ridisegnata la geografia della sanità regionale. Le Ulss diventano nove
Lombardia. Nasce la prima Breast Unit mista pubblico-privato



wordpress stat