| categoria: esteri

‘FINALMENTE LIBERÈ,DA OGGI LE DONNE SAUDITE AL VOLANTE

«Un sogno che si avvera»; «ancora non riesco a crederci»; «oggi anch’io faccio la storia» «mi sento libera come un uccello»: fra urla, sorrisi, pianti, selfie, incredulità ed emozione mal celata dietro al velo, migliaia di donne in Arabia Saudita allo scoccare della mezzanotte hanno dato sfogo alla gioia di guidare. Una conquista lungamente attesa nell’ultimo Paese al mondo che ancora proibiva al genere femminile il volante di un mezzo, o anche di sedere al posto del passeggero, relegandolo rigorosamente ai sedili posteriori. E dove le donne sono ancora obbligate al tutoraggio legale maschile, non possono aprire conti correnti, avere la tutela dei figli né avere passaporto. Almeno ora potranno andare al lavoro da sole o accompagnare i figli a scuola, imbracciare il volante di un’auto, di un camion o il manubrio di una moto. E così i media hanno seguito l’emozione della prima guida legale: auto piene di donne tutte con i cellulari sincronizzati a riprendere lo «storico» momento. E così il principe miliardario al-Walid, da sempre fautore di questo diritto, si è mostrato alle telecamere, seduto sul posto di passeggero mentre la figlia lo riporta in auto a casa, con un paternalistico applauso finale. Alcune rappresentano da tempo l’Arabia Saudita sulle piste, come Aseel al-Hamad: «Ho avuto il privilegio di guidare auto da corsa in tutto il mondo, ma oggi è la prima volta nel mio amato Paese. Pilotare la mia Jaguar F1 stanotte è stato così emozionante!», racconta ad Al Jazeera. Molte saudite, anche in previsione della fine del bando, hanno preso la patente negli Emirati o nel Bahrein. A Doha l’ha presa nel 2005 Roa Altaweli, che vive e lavora a Gedda, e ha dovuto farsela omologare in casa. «Mi sono svegliata più presto del solito. Ero così emozionata che non riuscivo a dormire. Oggi vado al lavoro in macchina, non seduta dietro. Non ci credo ancora», confessa Roa alla Bbc. Nelle ultime settimane, rivelano i media, c’è stata un’invasione di donne nelle piste di go-kart – alle quali viene insegnato a nascondere bene il velo sotto al casco – o nelle sale gioco davanti agli schermi dei simulatori di guida. E nei parcheggi ci sono gli spazi, marcati rigorosamente in rosa, riservati ai posti auto femminili. La rottura con il passato è frutto della sola decisione del giovane principe ereditario Mohammed bin Salman (Msb), spinto dal desiderio di «modernizzare» il Paese musulmano più conservatore e rigido al mondo: una decisione – notano diversi osservatori – dettata però da una decisione autocratica e non animata da un processo democratico. E di questo testimoniano le attiviste saudite per i diritti delle donne che non potranno per ora godere di questo diritto perché in carcere per essersi per esso battute. E dove attendono un probabile processo

Ti potrebbero interessare anche:

La Regina riprenderà i viaggi all'estero, prima tappa Roma
Fuori programma, Michelle dalla Cina a Roma per raggiungere Obama?
MO/ Scontri con soldati di Israele: muore ministro palestinese
NUCLEARE/ Gli Usa rimandano nuove sanzioni a Iran sui missili
MIGRANTI/ Ue: "Ridurre flussi in 10 giorni o sarà collasso"
Turchia, tentato golpe: arrestati mille sospetti sostenitori di Gulen



wordpress stat