| categoria: Dall'interno

Sicurezza fai da te: 4 italiani su 10 vogliono la “pistola facile”

«Cresce la voglia di ‘sicurezza fai da tè»: il 39% degli italiani è favorevole all’introduzione di criteri meno rigidi per il possesso di un’arma da fuoco per la difesa personale. Il dato è in netto aumento rispetto al 26% rilevato nel 2015. A dirlo è il primo Rapporto sulla filiera della sicurezza in Italia realizzato dal Censis. Più favorevoli sono le persone meno istruite, il 51% tra chi ha al massimo la licenza media, e gli anziani, il 41% degli over 65 anni).

Secondo il rapporto realizzato da Censis con Federsicurezza, aumenta anche il numero degli italiani che possono sparare: nel 2017 nel nostro Paese si contavano 1.398.920 licenze per porto d’armi, considerando tutte le diverse tipologie (dall’uso caccia alla difesa personale), con un incremento del 20,5% dal 2014 e del 13,8% rispetto all’anno prima.

La crescita più forte si è avuta per le licenze per il tiro a volo (sono quasi 585.000: +21,1% in un anno), più facili da ottenere. Il Censis stima così che «oggi complessivamente c’è un’arma da fuoco nelle case di quasi 4,5 milioni di italiani (di cui 700.000 minori)».

Ti potrebbero interessare anche:

Un fiocco giallo per la stampa e per il diritto all'informazione
SCOMMESSE/ La Procura di Cremona indaga sul tennis, puntate anche sui singoli set
NATALE/ Monterosso Almo, il presepe vivente nel borgo più bello d'Italia
Martedì di sangue, donne nel mirino: 2 omicidi e una brutale aggressione
Sicilia, settore costruzioni: oltre 10mila lavoratori in meno in cinque anni
Coldiretti, più italiani al ristorante, 78 mld spesa in 2016



wordpress stat