| categoria: Roma e Lazio

Rivoluzione sui bus: le multe ora si possono pagare a bordo con il bancomat

Le multe prese sul bus, perché senza biglietto, si potranno pagare con il bancomat e le carte di credito direttamente a bordo e con la riduzione del 50%. Atac, l’azienda del trasporto pubblico di Roma, ha avviato l’innovazione per consentire il pagamento immediato della multa tramite pos, di cui è stata dotata una parte dei verificatori, senza alcun costo aggiuntivo per i cittadini. Una semplificazione – si spiega – grazie alla quale il cliente potrà evitare di recarsi alla posta e risparmiare la spesa del bollettino postale, ad oggi lo strumento più usato per pagare la sanzione in forma ridotta.

Le contravvenzioni – ricorda comunque l’azienda – possono essere pagate anche online tramite la sezione dedicata del sito www.atac. roma.it o con bonifico bancario. La legge consente la riduzione del 50% della multa, quindi 50 euro anziché 100, se il viaggiatore versa la somma entro cinque giorni. Le squadre di verifica dotate di pos mobili, circa il 50% del totale in questa prima fase sperimentale, distribuiranno ai cittadini anche un volantino informativo per illustrare la novità e ricordare che per salire sui mezzi pubblici è sempre necessario disporre di un titolo di viaggio convalidato.

«Continua la nostra lotta contro i furbetti che non comprano il biglietto per i mezzi pubblici di Roma. E chi si ostina a evadere questo obbligo è tenuto a pagare le multe previste». Lo scrive su Fb la sindaca di Roma Virginia Raggi. «Per rendere più immediato il versamento delle sanzioni, oggi c’è uno strumento in più: i passeggeri sorpresi senza biglietto potranno pagare la multa con bancomat e carta di credito con una riduzione del 50%. Invece di 100 euro pagheranno 50 euro, se lo faranno a bordo del bus e direttamente ai controllori dotati di pos mobili. Si tratta di una sperimentazione innovativa che Atac ha avviato per semplificare i pagamenti: il trasgressore pizzicato senza il titolo di viaggio potrà così evitare di recarsi alla posta e quindi risparmiare la spesa del bollettino. A bordo dei bus verranno distribuiti ai cittadini anche dei volantini informativi per illustrare la novità. Ma ricordo che i mezzi pubblici appartengono a tutti noi e pagare il biglietto, oltre che un dovere, è un modo per garantire un servizio di trasporto pubblico migliore a vantaggio della collettività», conclude.

Ti potrebbero interessare anche:

Esposto alla Corte dei Conti sugli "stipendi gonfiati" all'Ama
Il Comune di Roma ha ancora 146 auto blu
Expo 2015, il rapporto del Censis: "Otto cittadini su dieci felici di vivere nel Lazio"
Bertolaso non convince la Lega. E Berlusconi chiama Salvini
Rems, firmato il protocollo per la gestione dei pazienti
Seimila euro per essere assunti a Comune o Coni, ma il posto non c'era



wordpress stat