| categoria: Roma e Lazio

GOVERNO AVVII INDAGINE SU RIMOZIONE CONTAINER CAMPING RIVER

«Sapere se i ministri dell’Interno e delle Infrastrutture, alla luce della gravità dei comportamenti segnalati, non ritengano doveroso avviare un’indagine per verificare le modalità con cui la Giunta di Roma Capitale abbia proceduto alla rimozione dei container del campo nomadi ‘Camping River’ e sapere come il governo intenda affrontare il problema dei campi nomadi, in particolar modo nella Capitale, anche a fronte di simili episodi che a giudizio degli interroganti sono emblematici di un’assenza di gestione della questione». È quanto chiede il deputato del Partito democratico Michele Anzaldi, in un’interrogazione presentata al ministro dell’Interno, Matteo Salvini, e al ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli. «In seguito alla scadenza definitiva, fissata per il 30 giugno scorso – si legge nelle premesse dell’interrogazione di Anzaldi – dei termini entro i quali il campo nomadi ‘Camping River’, a Roma Capitale in via Tenuta Piccirilli, sarebbe dovuto essere sgomberato, sono stati distrutti moduli abitativi di proprietà dell’amministrazione comunale in cui vivevano circa 65 famiglie, che ben si sarebbe potuto utilizzare per altre emergenze; per quanto a conoscenza degli interroganti, nessuna famiglia residente veniva allontanata, rendendo pertanto difficile comprendere l’utilità di un simile intervento in assenza di ‘bonificà dell’insediamento». «Il 3 luglio scorso – si legge ancora – due autori indipendenti hanno ripreso e montato le immagini del ‘Camping River’, mostrando come i pezzi dei container comunali distrutti fossero stati abbandonati sul terreno senza neppure essere rimossi. Secondo quanto affermato da autorevoli quotidiani, soltanto l’11 luglio è avvenuta l’effettiva rimozione dei residui dei moduli incomprensibilmente fatti a pezzi: ai cronisti non sarebbe stato consentito di assistere alle operazioni di smantellamento ‘per motivi di sicurezzà; le medesime fonti di stampa riferiscono polemiche sul danno erariale che si potrebbe configurare a causa della demolizione dei container comunali». «In una nota di Roberto Giordano, segretario della Cgil Roma – conclude Anzaldi – tale danno è quantificato in circa mezzo milione di euro; appare doveroso sottolineare come lo stesso si sia rivolto alla presidenza del Consiglio dei Ministri chiedendo di attivare la Protezione Civile, in quanto per le 65 famiglie private dei moduli abitativi non risulta sia stata predisposta alcuna assistenza, nonostante la nutrita presenza di minori in età scolare e prescolare».

Ti potrebbero interessare anche:

Alemanno show diventa un tormentone rap elettorale. "Ma siete matti..."
Il "guru" Pd Bettini, Marino lasci e si ricandidi
IL PUNTO/ Caso Casamonica, Gabrielli prova a dare la linea
Quattro nomi per il Commissario per Roma. C'è anche Cantone
LATTE/ Sit-in degli allevatori davanti a Euroma2, no all'abbassamento dei prezzi
VERSO LE REGIONALI/ 3 - E SE FOSSE LA LORENZIN?



wordpress stat