| categoria: economia, Senza categoria

Ue taglia stime pil Italia, 1,3% in 2018

La Commissione Ue rivede al ribasso le stime sul pil dell’Italia: per il 2018 vengono limate a 1,3% (da 1,5% previsto a maggio) e nel 2019 a 1,1% (da 1,2% di maggio). “Sebbene l’economia italiana sia cresciuta di 0,3% nel primo trimestre 2018, solo poco meno del trimestre precedente, non è completamente sfuggita alla generale perdita di slancio delle economie avanzate”, quindi “l’attuale ripresa dovrebbe indebolirsi ma proseguire al di sopra del potenziale”, scrive Bruxelles nelle previsioni economiche estive.I rischi al ribasso sulle prospettive di crescita sono diventati più prominenti di fronte a una riaccesa incertezza di politiche a livello globale e domestico”: “A livello interno, ogni riemergere di timori o incertezze sulle politiche economiche, e il possibile contagio dei tassi più alti sui costi di finanziamento delle imprese, possono peggiorare le condizioni del credito e zittire la domanda interna”. La prospettiva del pil nella zona euro e nell’Ue nel 2018 è stata rivista a 2,1%.

Ti potrebbero interessare anche:

Staminali, i manifestanti disabili tentano di entrare alla Camera. Malore per due
Da Cerroni a Strozzi, la questione morale affonda nei rifiuti capitolini
RAI/ Fico scrive alla presidente Tarantola: Renzi imperversa nei Tg
Striscioni Olimpico, la Procura di Roma indaga. Ora ogni trasferta diventa partita a rischio
CONI LAZIO/ Riccardo Viola candidato unico alla presidenza
Fisco, evasi ogni anno 110 miliardi: solo 200mila controlli su 4 milioni di ditte



wordpress stat