| categoria: Roma e Lazio

CAMPIDOGLIO, SU AUTODEMOLITORI RUOLO ESSENZIALE REGIONE LAZIO

«Prendiamo atto che sulla vertenza degli autodemolitori la Regione Lazio vuole continuare a restare a guardare mentre Roma svolge fino in fondo il ruolo che le compete: mettere ordine nel settore dopo vent’anni di deleghe, proroghe e accordi disattesi». Così in una nota l’Assessora alla Sostenibilità Ambientale di Roma Capitale, Pinuccia Montanari. «Con una delega che è un caso unico in Italia, la Regione Lazio ha scaricato su Roma Capitale la responsabilità delle autorizzazioni definitive e su questo si sta lavorando senza sosta dall’inizio del mandato. Sulle autorizzazioni temporanee, invece, la legge impedisce a Roma di agire ed è scorretto da parte dall’amministrazione regionale sottrarsi ad ogni responsabilità tecnica e politica. Roma Capitale ha chiesto agli operatori progetti che consentano il rilascio delle autorizzazioni definitive e ha avviato le conferenze di servizi per arrivare a una soluzione dopo oltre vent’anni di proroghe e precarietà dell’intero settore». «Per facilitare una Amministrazione regionale in evidente affanno nella sua funzione di pianificazione degli impianti che trattano i rifiuti, la Direzione rifiuti di Roma Capitale sta facendo una ricognizione di aree industriali dismesse a supporto delle attività regionali di pianificazione delle delocalizzazioni. Inoltre, con una memoria di Giunta Capitolina, il Dipartimento di Urbanistica è stato incaricato di valutare in tempi brevissimi le proposte degli operatori per spostare le loro attività in aree idonee«Del grande lavoro – continua Montanari – che si sta svolgendo per arrivare ad una soluzione definitiva che rispetti norme, ambiente e salute gli operatori sono costantemente informati su tavoli tecnici e politici attivati dell’Amministrazione Capitolina in un clima di grande collaborazione e disponibilità al dialogo». «Ritengo che l’Amministrazione regionale debba occuparsi di dare a Roma e al Lazio un quadro impiantistico adeguato che manca da anni. E ritengo che si debba assumere le responsabilità che le sono conferite dalle norme nazionali. Una cosa sola Roma Capitale non farà mai: ripercorrere le strade del passato che non hanno portato a nessun risultato».

Ti potrebbero interessare anche:

Sciopero di bus e metro. Aperte le Ztl, rischio caos
AMA/ Raccolta rifiuti ingombranti a domicilio ora gratuita anche al piano abitazione
Codacons, Roma non è pronta per un Giubileo, sarà caos
Incendio al Prenestino, quattro capannoni "cinesi" in fiamme: un morto
SOS sicurezza strade, 22% alla guida senza cinture ed il 57% dei bambini non viaggia in sicurezza
Verde pubblico, aggiudicato il bando da 4 milioni



wordpress stat