| categoria: economia

STARTUP, INFOCAMERE: NEL 2018 UNA SU DUE COSTITUITA ONLINE, A ROMA 163

«A metà 2018 sono in totale 1.626 le startup innovative costituite con la nuova modalità digitale e gratuita, introdotta dal Decreto del Ministro dello Sviluppo Economico del 17 febbraio 2016 e operativa a partire dal 20 luglio dello stesso anno. Si tratta di ben 911 imprese in più rispetto a dodici mesi fa, e solo negli ultimi tre mesi le nuove startup registrate online sono state 243. Nel primo semestre 2018 quasi una startup innovativa su due (42,5%) è stata costituita con la nuova procedura online». È quanto emerge, si legge in una nota di Infocamere, dal nuovo rapporto trimestrale di monitoraggio pubblicato in data odierna dal Mise, in collaborazione con InfoCamere e Unioncamere. «Milano si conferma l’area più popolosa in termini di startup costituite online (275, il 17% del totale nazionale), seguita da Roma (163, il 10,1%). Completano la top-5 – prosegue la nota – Padova (66), Verona (47), e Bergamo (43). Le province che ospitano almeno una startup innovativa costituita con la nuova modalità sono ormai 103 (4 in più rispetto alla scorsa rilevazione): le uniche assenti sono Aosta e Oristano. Per la prima volta, questo rapporto analizza il tasso di adozione della nuova procedura a livello territoriale, facendo emergere una forte eterogeneità. Considerando le sole province con più di 50 startup costituite nell’ultimo anno, emerge come a Padova e Brescia rispettivamente il 60% e il 50% delle startup innovative avviate negli ultimi 12 mesi abbia scelto la procedura online. Per contro, a Bologna (25,3%), Torino (20,3%) e, specialmente, a Napoli (5,9%) la nuova modalità appare ancora poco apprezzata». «Con l’eccezione della Valle d’Aosta, – si legge nel report – in tutte le regioni italiane è stata costituita online almeno una startup. La prima regione per utilizzo della modalità digitale è la Lombardia, con 432 startup costituite online, pari al 26,7% del totale nazionale. In seconda e terza posizione si collocano il Veneto, con 195 (12,1%), e il Lazio, con 183 (11,3%). Altre regioni in cui la nuova procedura è stata utilizzata in misura significativa sono Sicilia (104 startup), EmiliaRomagna (99), e Campania (88)».

Ti potrebbero interessare anche:

CRISI/ Una famiglia su tre torna alla "scorta alimentare"
Il fabbisogno dello stato sale a 94 miliardi, pesa la Pubblica Amministrazione
Trony: l'azienda è indagata per frode fiscale, si suicida il cugino del presidente
Cambio al vertice dello Ior: Franssu nuovo presidente
La giapponese Asahi offre tre miliardi di euro per Peroni
Acea, vola l'utile (+47,1%). Avanti sul piano-rifiuti per Roma



wordpress stat