| categoria: sanità Lazio

Bomba d’acqua a Monterotondo, personale e Protezione civile evitano l’allagamento del Pronto Soccorso eretino

Il personale dell’ospedale e i volontari della Protezione civile di Monterotondo hanno lavorato senza sosta per oltre due ore per scongiurare l’allagamento del Pronto Soccorso del SS Gonfalone a seguito della bomba d’acqua di imprevedibile straordinaria violenza e intensità che nel pomeriggio di oggi, mercoledì 8 agosto, si è abbattuta sulla città.
Grazie al coordinamento della protezione civile sono state realizzate delle barriere con ogni oggetto utile per evitare l’ingresso del fiume d’acqua nella struttura sanitaria.
La Direzione Strategica della Asl Roma 5 elogia e ringrazia il Direttore Sanitario Orlando Salvati e tutti quanti si sono prodigati senza risparmiarsi.
Si comunica inoltre che sono in corso le verifiche per valutare eventuali infiltrazioni e per provvedere al ripristino della funzionalità di due ascensori.

Ti potrebbero interessare anche:

Cgil: Forlanini fatiscente e pericoloso. Va chiuso
Gramazio, all'ospedale di Subiaco la Rianimazione rientri nel circuito del 118
Il Pd a Zingaretti, non smantellare l'ospedale di Alatri
I sindacati attaccano, san Camillo nel caos. La Regione faccia qualcosa
FROSINONE/La Asl riconosce 300.000 mila euro di conguaglio agli ex dirigenti
DIETRO I FATTI/ Riforma delle politiche sociali? Il festival dell'ovvio



wordpress stat