| categoria: attualità

Aquarius, Barcellona offre il suo porto ma Madrid dice di no

Nessun porto dove attraccare per la Aquarius dopo il ‘nò delle autorità di Malta, della Spagna e dell’Italia, che, per voce del ministro Toninelli, sollecita Londra ad occuparsene, considerando che la nave è vicina alle acque maltesi e battente bandiera Gibilterra. Intanto la scorsa notte a bordo di nove barchini 100 migranti sono approdati a Lampedusa. Sul nuovo caso Aquarius l’Unione europea è già in contatto con gli Stati membri per la suddivisione dei migranti senza che ancora si sia sciolto il nodo sul luogo di sbarco, per il quale l’Europa però non ha competenza. Per la nave di ‘Sos Mediterraneè, sulla quale la salute di alcuni dei 141 migranti a bordo da tre giorni «rischia di aggravarsi» con il passare delle ore, è cominciato un altro rebus nelle acque del Mediterraneo, dove le operazioni di soccorso diminuiscono sempre di più: Sos Mediterranee ed Open Arms sono rimaste le uniche due ong ad operare. Frontex ha anche riferito del forte calo di arrivi di migranti in Italia a luglio: -83% rispetto allo scorso anno. E come prevedibile dalle intenzioni manifestate negli ultimi giorni, il governo italiano non è deciso ad aprire i propri porti.

Stesso stop da Malta, che ha riferito di aver salvato oggi già 114 migranti su un gommone. Con la Aquarius in standby a circa 30 miglia nautiche dalle coste europee, il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha ribadito: «Proprietà tedesca, noleggiata da Ong francese, equipaggio straniero, in acque maltesi, battente bandiera di Gibilterra. La Aquarius può andare dove vuole, non in Italia». A proporre una soluzione alternativa è il ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli, per il quale «la nave è ora in acque maltesi e batte bandiera Gibilterra. A questo punto il Regno Unito si assuma le sue responsabilità per la salvaguardia dei naufraghi». Ma i coordinatori dell’imbarcazione spiegano: «Lo Stato di bandiera della nave non è responsabile del coordinamento di operazioni di soccorso. Per ora restiamo in acque internazionali, equidistanti tra Italia e Malta».

E il sindaco di Napoli Luigi De Magistris sfida i due ministri e chiede all’imbarcazione della ong di attraccare nel porto di Napoli: «qualora non li facessero sbarcare – dice -, saremmo noi stessi ad andarli a prendere in mezzo al mare». Anche il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, offre la disponibilità della città e delle sue strutture ad accogliere coloro che sono a bordo della nave. Pure la Spagna si sfila. Il governo di Sanchez ha inoltre deciso di portare avanti l’appello che l’esecutivo dell’ex premier Rajoy aveva presentato davanti alla Corte europea dei diritti dell’uomo contro la condanna di Strasburgo per l’espulsione di due immigrati alla frontiera nel 2014.

Ti potrebbero interessare anche:

Crolla il reddito al Sud, Bolzano la più ricca, soffre la Liguria
Ruby, accolto impedimento per Berlusconi
Morto il cardinale Ersilio Tonini. Aveva 99 anni
EBOLA/Tra il 14 e il 16 agosto 113 nuovi casi, 84 morti. La Tunisia e le misure di prevenzione
Fisco: 21 milioni di italiani hanno debiti, la metà sotto mille euro
Barcellona: l'imam voleva immolarsi nell'attentato



wordpress stat