| categoria: Dall'interno, Senza categoria

Parco del Pollino, la pioggia ingrossa il torrente: almeno 10 vittime tra gli escursionisti

PIOGGIA INGROSSA TORRENTE, OTTO ESCURSIONISTI MORTI

Ci sono almeno 10 vittime tra gli escursionisti travolti dall’ondata di piena del torrente Raganello a Civita di Castrovillari, in Calabria. Altri due corpi sono stati infatti individuati e vanno ad aggiungersi a quelli di quattro uomini e quattro donne.

Sono 23 gli escursionisti tratti in salvo. Sette persone sono state trasportate in ospedale. Tra loro, anche una bambina di 9 anni portata in salvo dall’elicottero dei vigili del fuoco e trasferita nell’ospedale di Cosenza per ipotermia. Lì è arrivata in eliambulanza anche una donna con problemi di respirazione. In serata è stato tratto in salvo un secondo bambino: è impaurito e infreddolito, ma starebbe bene.
Sarebbe quindi sceso a tre il numero dei dispersi. All’appello manca ancora una guida. Le persone rimaste coivolte nella piena del torrente facevano parte di due gruppi da 18 persone, provenienti in particolare da Brescia, Bergamo e Milano. Sarebbero, dunque, 36 le persone coinvolte. I tecnici del Soccorso alpino e speleologico stanno risalendo le gole per cercare i dispersi. “Temiamo che il numero delle vittime sia destinato a crescere. Ma si tratta di valutazioni che facciamo sulla base di quello che si è verificato”, ha detto il procuratore di Castrovillari Eugenio Facciolla. “Stiamo operando – ha aggiunto – in una situazione di emergenza e non possiamo dare numeri o fare ipotesi. Riteniamo però che nell’area ci fossero più persone come accade sovente in questo periodo perché la zona è molto battuta”.

Gli escursionisti sono rimasti bloccati questa mattina a causa delle forti piogge, a monte del cosiddetto “Ponte del Diavolo”. Due gruppi stavano visitando l’interno dell’area fatta di gole e canyon, nel territorio del Parco nazionale del Pollino. Le piogge che si sono abbattute sulla zona hanno provocato l’ingrossamento del letto del torrente e gli escursionisti sono rimasti bloccati su alcuni scogli.

Sarebbero stati sorpresi dalla piena. Alcuni sono riusciti a raggiungere degli scogli. Ci sarebbero feriti e dispersi. Il timore è che l’ondata di piena possa avere travolto altri escursionisti che si trovavano nella zona. Dalla giornata di ieri in tutta la regione era stato lanciato lo stato di allerta per piogge abbondanti.”Le ondate di piena nel torrente Raganello ci sono spesso d’inverno, ma non era mai capitato d’estate, quando il torrente è molto frequentato dai turisti”, spiega Luca Franzese, responsabile del Soccorso alpino della Calabria. Oggi, invece, l’ondata di piena è arrivata all’improvviso e il livello del torrente ha raggiunto “i due metri, due metri e mezzo”, continua il soccorritore. “Era impossibile accorgersene perché in quel tratto non stava nemmeno piovendo”.

“È arrivata una valanga d’acqua all’improvviso. Non abbiamo avuto il tempo di fare nulla. Sono stato davvero fortunato”. Un escursionista olandese, con una vistosa benda in testa, racconta tra le lacrime. “Una cosa incredibile, l’inferno”, dice in un buon italiano. “Sono davvero senza parole e piango le persone che non sono riuscite a salvarsi”.

Le operazioni di salvataggio sono affidate ai vigili del fuoco, presenti sul posto con una squadra di uomini del distaccamento di Castrovillari. A supporto delle operazioni una squadra specializzata di vigili del fuoco speleo alpino fluviali e l’elicottero arrivato direttamente dal comando di Salerno oltre agli uomini del Soccorso alpino. La protezione civile regionale della Calabria sta inviando delle torri faro, che serviranno a illuminare la zona durante la notte per proseguire le ricerche di eventuali dispersi e dei corpi delle vittime. Il gruppo speleologico si sta organizzando per risalire il corso del torrente. Nelle gole del Raganello ci sono vari anfratti e speroni sui quali potrebbero essersi salvati alcuni degli escursionisti. L’acqua del torrente, intanto, dopo la piena del pomeriggio, sta lentamente calando.

“Le ricerche proseguiranno per tutta la notte”, fa sapere Tansi. “Quel canalone presenta condizioni molto critiche”. Sono circa 70 le unità impegnate a setacciare l’area. “Quello che si sa è che le gole sono state saturate dall’acqua piovana caduta copiosamente, che ha scaraventato le persone anche a tre chilometri di distanza”.
Intanto, è stato allestito nella palestra comunale di Civita un centro di primo soccorso. In municipio riunione del Comitato operativo comunale, con il prefetto, il capo della protezione civile regionale, il sindaco e il procuratore di Castrovillari. “Dobbiamo verificare se le persone che si trovavano in quell’area erano consapevoli della situazione cui andavano incontro – ha detto Facciolla – o, viceversa, se erano all’oscuro di quello che poteva accadere”. Il procuratore ha disposto l’autopsia sui corpi delle persone finora recuperate “per accertare se esistano responsabilità penali per quanto accaduto”.

Il torrente Raganello è tra i più visitati della regione. Sono diverse le attività di canyoning ed escursione che si concentrano nel periodo estivo lungo il torrente.

Il premier Giuseppe Conte segue da palazzo Chigi la vicenda, insieme al capo della protezione civile Angelo Borrelli. Il ministro dell’Ambiente Sergio Costa “sta seguendo con apprensione l’evolversi della situazione, peraltro in continua evoluzione” nel Parco del Pollino, si legge in una nota, “in contatto minuto dopo minuto con presidente e direttore del parco, accorsi sul posto, e con la protezione civile e i carabinieri forestali e territoriali”.

Ti potrebbero interessare anche:

Andreazzoli, il fedelissimo. Traghetterà la Roma fino a fine campionato?
Meteo, in Italia arrivano gelo e neve
VENEZIA/ Carnevale 2017, possibili blocchi per i pedoni e stop alle auto a piazzale Roma
Madre e figlia di 11 anni massacrate a Parma: fermato il figlio della donna
Parità donne, Italia fatto grandi passi
Alluvione di Genova, confermata la condanna all'ex sindaco Vincenzi: 5 anni



wordpress stat