| categoria: sanità

84 MILA ‘CAMICI ROSA ‘UNDER 50’, CRESCONO LE DONNE MEDICO

Antesignana fu la tv, con personaggi come la dottoressa Meredith Grey o l’italiana dottoressa Giò: quella del medico è una professione sempre più femminile. In Italia sono 84.121 le donne medico under 50, contro 55.405 colleghi uomini della stessa fascia di età. E se, nelle generazioni sino ai 49 anni, le donne sono ormai il 60%, in alcune fasce, come quella dai 35 ai 39 anni, quasi doppiano i colleghi maschi, essendo 19.213 contro 10.612, come dimostrano i dati elaborati dal Ced della Fnomceo (Federazione nazionale degli Ordini dei medici). Si parlerà anche di quella che in gergo viene chiamata la ‘femminilizzazione della professione medicà nel Convegno «Passato e futuro del Ssn a quarant’anni dalla nascita» che, il 22 settembre a Venezia, presso la Scuola Grande di San Marco, aprirà la manifestazione Venezia in Salute #VIS2018. Il giorno dopo, «tutti a Mestre per gli stand in piazza e i due convegni rivolti alla popolazione, sui vaccini e sulle principali iniziative locali per far ‘guadagnare salutè alla popolazione», scrive la Fnomceo.
«Il cambiamento di genere della professione della professione medica implica la messa in atto di scelte strategiche e politiche che tengano conto delle mille sfaccettature della vita, non solo professionale, di una donna medico – spiega il vicepresidente della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici (Fnomceo), Giovanni Leoni, che è anche presidente dell’Omceo di Venezia, organizzatore dell’evento – Occorre pensare a una turnistica rispettosa, a ritmi di lavoro che non rendano troppo penalizzante, per la vita personale, familiare e di relazione della professionista, la scelta di fare il medico». «Con queste percentuali, è molto probabile e anche auspicabile che, in un reparto o in un’equipe, vi possano essere più gravidanze in contemporanea – continua Leoni – Va fatta, dunque, una programmazione lungimirante delle sostituzioni, che devono essere pronte ed immediate, in modo da non penalizzare l’intera equipe che si troverà, altrimenti, a ranghi ridotti, ad affrontare un carico di lavoro rimasto invariato». «Auspichiamo, in un prossimo futuro, di poter dotare gli ospedali di asili nido – dice Leoni – Ora gli interventi più urgenti sono, però, sulla turnistica e sulle sostituzioni».
A Bari, nel corso della giornata del 13 settembre contro la violenza, è stata fatta una considerazione importante – dichiara il presidente della Fnomceo, Filippo Anelli – non possiamo tacere che anche la violenza ha un genere, e che le nostre colleghe sono esposte in maniera quantitativamente e qualitativamente più grave alle aggressioni. In Puglia molte dottoresse sono costrette a farsi accompagnare durante i turni di guardia medica dal padre: questo è inaccettabile per un Paese civile. Dobbiamo mettere tutti i colleghi in grado di lavorare in condizioni di sicurezza». «Pochi giorni fa – conclude – l’Oms ha affermato che anche il miglioramento della salute e del benessere degli uomini è meglio garantito in presenza di un quadro di parità di genere e che il coinvolgimento degli uomini e la loro partecipazione in mansioni di accudimento (pagate e non pagate), la prevenzione della violenza contro le donne e la responsabilità condivisa in materia di salute riproduttiva sono interventi chiave per raggiungere traguardi globali sulla parità di genere e per accelerare il conseguimento di importanti obiettivi di salute. Occorre che la società a tutti i livelli lotti per questa parità, per il miglioramento del livello di salute».

Ti potrebbero interessare anche:

Veneto, assegni-cura mensili per non autosufficienti
Stamina, il Tar non basta, la sperimentazione non può ripartire
Da dr House a super manager, in arrivo una task force per i casi complessi
Prescrizioni improprie, i medici contro le regioni: non pagheremo
Nel 2014 -2,3% ricoveri, calano anche le giornate di degenza
DA SESSO CAUSA TUMORE A BICI, MOLTE FAKE NEWS SU FERTILITÀ



wordpress stat