| categoria: Dall'interno

IN PAKISTAN CON INGANNO, MENOONA È TORNATA IN ITALIA

La bandiera italiana dietro le spalle, quasi a proteggerla e un timido sorriso, mentre nella nostra ambasciata a Islamabad attende la chiamata per il volo che la riporti nel paese che lei ha scelto come «casa», l’Italia. Questa la prima nitida immagine, diffusa dalla Farnesina, di Menoona Safdar, 23 enne pakistana riportata in patria dalla sua famiglia con l’inganno dopo averla costretta ad abbandonare la scuola che frequentava in Brianza, poi lasciata in Pakistan dopo essere stata privata dei documenti necessari al rientro perché frequentava un uomo non gradito al padre. Un volo da Doha, atterrato all’aeroporto di Malpensa alle 20.45, l’ha riportata dove vuole vivere, come aveva spiegato nella lettera inviata alla sua ex scuola, un istituto tecnico di Cesano Maderno (Monza), nel luglio scorso, per raccontare quanto le sarebbe accaduto. Raggiunta dall’ANSA al telefono nei giorni scorsi, la giovane ha ribadito il racconto che aveva messo per iscritto alla scuola, aggiungendo che i suoi genitori non accettano l’uomo che lei ha scelto di amare, perché nel suo paese «una giovane non può scegliere da sola la persona con cui stare». La sua famiglia racconta però una storia diversa. Dice di non aver mai proibito alla ragazza di studiare e di non volere il suo «uomo» in famiglia, perché pericoloso. A spiegarlo, nel salotto dell’abitazione di Bovisio Masciago dove anche Menoona viveva, è stato suo fratello Radu. «Non volevamo il suo uomo nella nostra famiglia perché non è una bella persona, è pericoloso, non è vero che non volevamo studiasse – sottolinea – Lei ha voluto andare in Pakistan, poi voleva tornare, mio padre le ha detto che non avremo accettato lui, e lei lo ha sposato». Radu racconta che «si erano conosciuti da bambini, forse poi il contatto in rete, non lo so. A un certo punto lei ha detto di voler andare in Pakistan, nonostante mio papà le avesse detto che qui poteva avere un futuro migliore». Il giovane, sua madre sempre in cucina durante il colloquio e il papà a riposare dopo il turno di notte, aggiunge che «mio padre le ha detto che le avrebbe pagato il biglietto di ritorno, purché non stesse più con quell’uomo, nella nostra zona in Pakistan anche i bambini sanno chi è. Il problema era tutto lì». Rispetto ai documenti sottratti alla sorella, Radu nega. Poi, conclude: «Sono contento che torni in Italia, basta che non porti lui in famiglia». Allertata dalla Prefettura, la Farnesina si è attivata, anche grazie all’interessamento del vicepresidente della commissione Esteri Paolo Grimoldi, organizzando il rientro della giovane, accolto «con grande soddisfazione» dal ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi, che, spiegano dalla Farnesina, si è interessato personalmente del caso

Ti potrebbero interessare anche:

MAFIA/Don Ciotti, il mio impegno contro la mafia è fedeltà al Vangelo
Minacce a Saviano, assolti i boss, condannato l'avvocato
Autovelox, multe contestabili senza il doppio cartello
Torna sulle tavole degli italiani il pesce fresco
Agli italiani piace la moka, 87% la sceglie per caffè a casa
Parità stipendi, per le italiane resta una chimera



wordpress stat