| categoria: sanità Lazio

Schizofrenia. Alla Asl di Rieti si fa il punto sui trattamenti integrati

Un convegno presso l’Aula Magna della Asl di Rieti, in via del Terminillo 42, per fare il punto sui trattamenti integrati. Il convegno, organizzato dalla Direzione Aziendale della Asl di Rieti, con la collaborazione del Dipartimento di Salute Mentale diretta dalla dottoressa Gabriella Nobili, si è tenuto giovedì scorso è stato finalizzato all’approfondimento del trattamento integrato della schizofrenia alla luce sia dei nuovi PDTA (Percorsi Diagnostico Terapeutici Assistenziali) proposti dal Piano di azioni nazionale sulla salute mentale e recepiti dalla Regione Lazio nel 2017, sia dei nuovi trattamenti psicofarmacologici disponibili.

Nel corso del convegno è stata affrontata la problematica della correlazione tra disturbi psicotici ed uso di sostanze stupefacenti; il trattamento degli esordi psicotici; le varie opzioni terapeutiche dei nuovi farmaci a lento rilascio ed infine, la gestione dei trattamenti terapeutico-riabilitativi sia durante la fase di ricovero in ambito ospedaliero che la pianificazione dei trattamenti integrati in ambito territoriale.

Tra gli interventi, quello del professor Marco Alessandrini, psichiatra e psicoanalista, Direttore del Centro Salute Mentale della ASL 2 “Lanciano-Vasto-Chieti” e docente presso l’Università di Chieti; del professor Sergio De Filippis Direttore Sanitario della Casa di Cura ‘Villa Von Siebenthal’ e docente presso l’Università La Sapienza di Roma; del dottor Domenico De Berardis del Servizio Psichiatrico Diagnosi e Cura di Teramo e professore a Contratto dell’Università di Chieti; del dottor Paolo Iazzetta Responsabile del Centro di Salute Mentale di Orbetello ed infine, della dottoressa Anna Luzi, farmacista del Servio Farmaceutico Ospedaliero della ASL di Rieti: tutti relatori specificamente formati nei vari ambiti oggetto degli argomenti trattati.

Moderatori del Convegno la dottoressa Nobili e gli psichiatri referenti dei vari Servizi dipartimentali: il responsabile scientifico del Convegno è il dottor Massimiliano Bustini responsabile del Servizio Diagnosi e Cura dell’Ospedale de’ Lellis di Rieti.

Ti potrebbero interessare anche:

Rivoluzione nella geografia sanitaria laziale. Arrivano i dipartimenti,Latina-Frosinone e Rieti-Vite...
Salvi Cem e i suoi cento pazienti. La patata bollente passa da Cri ad Asl RmD
Zingaretti apre al Casilino il più grande pronto soccorso della capitale
ONDATE DI CALORE/ Piano sanitario di emergenza con 5mila medici di famiglia
Sanità privata, nel Viterbese è boom di cassa integrazione e licenziamenti
Asl di Rieti. Cup, più sportelli e orario di apertura anticipato



wordpress stat