| categoria: economia

FOCUS/ CONFINDUSTRIA,RISCHI PIÙ TASSE,NON TOCCARE PENSIONI

bocccia Se non ci saranno «coperture credibili» ed un «secondo pilastro che garantisca sostenibilità, crescita e lavoro» le misure promesse con il ‘contrattò di Governo potrebbero «portare a più tasse in futuro e ad aumentare il tasso di risparmio già oggi». È l’analisi degli economisti di Confindustria che prevedono ancora una frenata della crescita. E avvertono: tra le cause c’è «l’incertezza» sulla «capacita di incidere sui nodi irrisolti dell’economia del nuovo Governo», «la fiducia che i mercati riporranno nella manovra economica», «la sostenibilità del contratto di Governo nelle sue componenti più onerose per la finanza pubblica: flat tax, reddito di cittadinanza, controriforma delle pensioni». Il Centro studi di viale dell’Astronomia sollecita una riforma fiscale ed una «vera» spending review dopo i «fallimenti» del passato, un piano per le infrastrutture, e che non ci sia alcun passo indietro sulle misure che hanno avuto effetti positivi sull’economia reale. E avverte: «Non smontare le riforme pensionistiche perché ciò renderebbe necessario aumentare il prelievo contributivo sul lavoro». «Superare la legge Fornero è una priorità mia, della Lega e del governo. Confindustria, Inps e burocrati europei alla fine del percorso ci daranno ragione», replica Matteo Salvini. E Luigi Di Maio dice: «Il governo non torna indietro: chi si illude, come il Centro Studi di Confindustria, sappia che si sta facendo una cattiva idea. Nella manovra ci saranno tutte le misure previste dal contratto». Le nuove stime di via dell’Astronomia sul Pil, che non tengono ancora conto delle intenzioni del Governo nell’attesa che si traducano in misure con la legge di bilancio, sono state tagliate al +1,1 nel 2018 e al +0,9 nel 2019, in «ribasso di 0,2 punti rispetto alle previsioni di tre mesi prima. Questo scenario di »bassa crescita e in rallentamento, debito pubblico molto elevato e tassi di interesse in aumento« – avverte il centro studi diretto da Andrea Montanino – rende »necessario e urgente agire nella prossima legge di Bilancio«. Servono »certezza sulle linee di azione«, »un percorso di rientro del debito«, »misure che incidano sul Pil«, coperture chiare anche perchè »l’aumento del deficit è poca cosa rispetto agli impegni politici assunti«. È »cruciale per rassicurare i mercati finanziari evitando che i primi segnali già osservati di uscita di capitali dall’Italia si possano trasformare in un pericoloso trend«. Vincenzo Boccia, il leader degli industriali (parlando alla presenza del ministro dell’Economia Giovanni Tria, che ha garantito una graduale riduzione del deficit dopo lo scostamento nel 2019 e che non ci sono rischi di »finanza allegra«) auspica spazi per »confrontarsi serenamente« e sulla manovra ribadisce: »C’è una questione di stabilità politica« (il ‘contrattò di Governo) »ed una di sostenibilità economica«; anche perchè »se sale lo spread lo pagano le famiglie, le imprese e lo stesso Stato italiano«. Se »il metodo è anche condivisibile« la condizione, dice Boccia, è che »il merito abbia sostenibilità. Puoi sforare se comporta crescita, lavoro, riduzione del debito, maggiori effetti sull’economia reale«. L’obiettivo »non è far cadere il governo ma far fare bene al governo«. Il reddito di cittadinanza? »Non sia un disincentivo al lavoro«.

Ti potrebbero interessare anche:

Oltre 9 milioni di persone in sofferenza e disagio occupazionale
Italcementi compra tutta Ciments Français per 450 milioni
Mediaset, in vista intesa con Vivendi: ai francesi Premium e il 3,5% del Biscione
Mattarella inaugura il Vinitaly: il futuro è nella sfida digitale
Il 60% dei giovani disoccupati non è disposto a muoversi
S&P conferma rating Italia BBB con outlook stabile



wordpress stat