| categoria: politica

IN PRIMO PIANO/ AL CAPEZZALE DEL PD

zingaretti Dopo Piazza del Popolo scatta il toto-segretario.Zingaretti per ora batte tutti, qualcuno butta lì il nome della Boschi, ma come al solito spuntano le candidature più esclusive e avventurose care alla quota radical-chic del partito: ‘spuntano’ i nomi di Milena Gabanelli e Roberto Saviano


Per ora il governatore del Lazio Zingaretti batte tutti, qualcuno butta lì il nome della Boschi, ma come al solito spuntano le candidature più esclusive e avventurose care alla quota radical-chic del partito: ‘spuntano’ i nomi di Milena Gabanelli e Roberto Saviano. Siamo al toto-segretario del Pd. Anche se non si sa ancora come e quando ci sarà il confronto decisivo e la confusione a Largo del Nazareno è notevole. Il Partitodi democratico si è contato a Piazza del Popolo la scorsa settimana, ha guadagnato qualche consenso (forse) ma non ha risolto nessuno dei suoi problemi. Ci sono scadenze elettorali, regionali ed europee, che razza di partito scenderà in campo? Basta la barba di Martina a far credere che ci siano uomini credibili ed energici? Certo che no.Nello speciale Vox Populi, monitoraggio settimanale di analisi dell’opinione pubblica italiana GPF Inspiring Research (Presidente Roberto Baldassari) vengono registrate le preferenze degli elettori PD rispetto al futuro o leader del Partito Democratico. Gli intervistati sono stati chiamati a valutare la notorietà di 20 uomini e 20 donne del Partito Democratico e a dare un giudizio sul loro operato. Tra i nomi maschili i “più belli del reame” , che si aggiudicano la prima posizione del podio della fiducia degli elettori PD sono l’attuale Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, pari merito con l’ex premier Paolo Gentiloni (84%). Sul secondo gradino del podio troviamo a sorpresa l’ex ministro dell’Interno Marco Minniti (83%), che supera in classifica molti validi avversari, come Matteo Renzi e Carlo Calenda a quota 79%, Graziano Delrio a quota 78 e Dario Franceschini (77%). Si mantengono sopra la media della fiducia sull’operato (68.5%) Enrico Letta (75%) e l’attuale segretario del partito Maurizio Martina, che si attesta al 72% grazie anche alla buona performance di domenica scorsa. La seconda parte della classifica si divide in due macro-aree: un primo blocco, vicino alla parte alta, guidato dal Governatore della Regione Puglia Michele Emiliano (68%) fino a Piero Fassino (62%); mentre il secondo è compreso tra il 57% di Marcello Pittella e il 47% di Matteo Orfini. Sul piano della notorietà vero mattatore è l’ex Presidente del Consiglio Matteo Renzi (94%) che stacca di un solo punto da Nicola Zingaretti. Interessante lo “spread” tra la notorietà e la fiducia per l’ex Sindaco di Firenze che registra una differenza di 15 punti. Discorso simile vale anche per l’ex Ministro per lo sport Luca Lotti: forte di una buona notorietà (68%) non va oltre il 48% di fiducia.
Detto questo, chi mai potrà essere il nuovo segretario? Lo abbiamo detto in apertura, in pole c’è Nicola Zingaretti che raccoglie più preferenze tra gli uomini con il 23.6%, mentre Marianna Madia e Federica Mogherini (15.3%) condividono il trono della parte rosa dei Leader PD. Scende la Pinotti al quarto posto (11.1%) mentre Valeria Fedeli guadagna la terza posizione del podio (11.3%). Per gli uomini, fatto salvo il Presidente della Regione Lazio, si stravolge un po’ tutta la classifica con Minniti che perde cinque posizioni e Renzi che fortifica il secondo posto.Sembra però che gli elettori PD, oltre a scegliere Zingaretti, esprimano una voglia di cambiamento anche attraverso nuove figure di riferimento: il 18.7% dei votanti ha infatti dichiarato che non vorrebbe nessuno di questi leader a capo del Partito democratico (percentuale che sale a quota 21.1% nella classifica femminile). A riprova di questa tendenza arriva la conferma della nuova classifica di gradimento del nuovo segretario PD alla luce delle due new entry Milena Gabanelli e Roberto Saviano. La percezione di queste figure come di persone provenienti da un mondo non prettamente politico ha probabilmente influito sull’andamento dell’opinione degli intervistati: la classifica finale vede quindi Zingaretti sul gradino più alto del podio con il 22.3% delle preferenze, seguito da Roberto Saviano (19.4%) e dall’ex conduttrice di Report Milena Gabanelli (14.2%), unica donna sul podio, che distanzia di quasi due punti percentuali Matteo Renzi al quarto posto (12.7%), Gentiloni e Calenda (10.9%). La coda della classifica finale si tinge di rosa con la Mogherini e la Madia che precedono Fedeli e Pinotti. Non siamo messi proprio benissimo, par di capire.

Ti potrebbero interessare anche:

Napolitano, ci sarà un passaggio parlamentare che segni discontinuità
Nella "prigione dei Marò": "Soffriamo con dignità"
Madia, lo Stato licenzierà i dirigenti inadeguati
Spese pazze in Regione Liguria, chiesto il rinvio a giudizio per 25
Il Cav attacca Renzi, "mance disgustose, siamo al regime"
Riforme: Camera approva ddl con 361 sì e 7 no



wordpress stat