| categoria: sport

NAPOLI FORZA 3, A UDINE UNA VITTORIA D’AUTORITÀ

Il Napoli espugna il campo dell’Udinese con autorità e accorcia le distanze sulla Juve, bloccata in casa dal Genoa nel tardo pomeriggio. La notizia del primo semi-passo falso della capolista galvanizza i partenopei che scendono in campo con il coltello tra i denti e non danno tregua ai friulani, apparsi da subito frastornati dal movimento palla degli avversari e non a proprio agio con la rivoluzione tattica del modulo difensivo. La squadra di Ancelotti, seppur priva di Insigne – e con il suo sostituto Verdi out dopo soli 2′ per un guaio muscolare -, dimostra una superiorità netta nel possesso della sfera fin dalle prime battute e per l’Udinese la montagna da scalare diventa ancora più alta: quarta sconfitta consecutiva, di cui tre in casa anche se maturate con Lazio, Juventus e Napoli. Ombre nere si addensano su Velazquez, non solo per la classifica, ma anche per le poche certezze che si sono viste nel primo quarto di campionato. Per i partenopei un’iniezione di fiducia prima della Champions contro il PSG di Neymar, anche se il match è rimasto aperto fino a 10′ dalla fine e in difesa Koulibaly ha dovuto chiudere le falle dei compagni. Napoli arrembante e in vantaggio già al 13′ proprio con il neoentrato Fabian Ruiz che, dopo avere rubato palla al limite dell’area ai distratti Fofana e Berhami, disegna una parabola arcuata che supera l’incolpevole Scuffet, finendo all’incrocio. Da un errore della difesa partenopea la più ghiotta occasione per l’Udinese che, con Lasagna, sfiora il pareggio al 23′: bravo l’ex Karnezis che si tuffa e neutralizza un diagonale insidioso in contropiede. Il Napoli potrebbe raddoppiare già nel primo tempo con Zielinsky – fuori di poco da ottima posizione – e con Milik che di testa, completamente solo, mette alto. Nella ripresa l’Udinese prova timidamente con una conclusione da pochi passi di Lasagna, ma non c’è mai l’assalto decisivo. Gli ospiti tengono bene il campo e a pochi minuti dalla fine chiudono il discorso subito dopo un auto-palo da infarto di Samir la cui palla goffa termina poi in corner. Prima Mertens insacca un rigore concesso per mani di Opoku su conclusione a colpo sicuro di Callejon, subito dopo Rog, appena entrato, insacca il primo pallone che tocca con la complicità di Scuffet freddato sul suo palo. Il resto è passerella per un Napoli camaleontico che sa adattarsi agli avversari, soffrire e colpire quando gli avversari si scoprono

Ti potrebbero interessare anche:

Gigi Riva, 'lascio l'azzurro dopo 50 anni'
VOLLEY/Roberto Serniotti nuovo allenatore di Trento
MONDIALI/ Prandelli, partita epica ma assurdo il no ai time out
DOPING/ Audizione fiume della Kostner, "Non ho coperto nessuno"
Anche il Bologna verso gli americani
EUROPA LEAGUE/ Napoli rullo compressore, piegato anche il Brugge



wordpress stat