| categoria: sanità

SCLEROSI MULTIPLA,CONTRO FORME PROGRESSIVE 53 MLN ENTRO 2025

Per la lotta alle forme progressive di sclerosi multipla sono in arrivo 53 milioni di euro entro il 2025. È questo l’impegno della Progressive MS Alliance, Alleanza per la sclerosi multipla progressiva, iniziativa globale guidata e finanziata dalle principali Associazioni, che coinvolge i migliori ricercatori del mondo impegnati in questo campo. Ad annunciarlo il professor Mario Alberto Battaglia, presidente Fism, Federazione italiana sclerosi multipla, nel corso della Msif World Conference, la conferenza mondiale delle persone con sclerosi multipla e delle associazioni, a Roma fino al 28 ottobre, organizzata dalla Federazione Internazionale delle Associazioni (Msif) e da Aism, Associazione italiana sclerosi multipla, in occasione delle celebrazioni dei suoi 50 anni. «Il congresso – ha spiegato Battaglia – è un’occasione per sancire un altro patto nel percorso della Progressive MS Alliance, che ci dovrà portare entro il 2025 ad avere nuovi farmaci per le forme progressive e garantirne l’accesso. Dal 2014 ad oggi l’Alliance ha già stanziato oltre 23 dei 53 milioni di euro da destinare alla ricerca». Le prospettive di avere risultati nel breve e medio termine non sono mai state migliori, come ha ricordato Raj Kapoor dell’University College London Hospitals NHS, National Hospital for Neurology and Neurosurgery di Londra. Senza la «piena comprensione dei meccanismi sulla progressione della sclerosi multipla – ha affermato Kapoor – è tuttavia impossibile mettere a punto trattamenti adeguati. Per questo va potenziata la ricerca di base». «In passato abbiamo ‘sparatò sui bersagli sbagliati, credendo che per le forme progressive fossero gli stessi delle forme recidivanti-remittenti per cui avevamo farmaci che funzionavano – ha spiegato Giancarlo Comi, direttore dell’Istituto di Neurologia Sperimentale dell’IRCCS Ospedale San Raffaele – oggi sappiamo che dobbiamo concentrarci su altri meccanismi, focalizzandoci su terapie capaci di penetrare nel sistema nervoso, perché tutto si gioca qui dentro».(

Ti potrebbero interessare anche:

Non passa l'accordo sul San Raffaele, bocciato dai dipendenti. Licenziamenti da febbraio?
Sangue infetto, la Lorenzin promette cento milioni di indennizzi
AIFA/Possibile sfondamento del tetto di spesa dei farmaci ospedalieri
Opg, meno due all'ora X. Finisce un ciclo, ma le Regioni non sono pronte
VACCINI/ In Italia è flop adesioni, gli ospedali pediatrici lanciano l'Sos
Aids, in Italia 140mila sieropositivi



wordpress stat