| categoria: sanità

GIORNATA MONDIALE ICTUS, NEL MONDO COLPITI 15 MILIONI L’ANNO

Circa 150.000 i casi in Italia e 800.000 sopravvissuti
Ogni anno nel mondo 15 milioni di persone sono colpite dall’ictus cerebrale e si calcola che siano 80 milioni coloro che sono sopravvissuti a questa malattia che arriva all’improvviso e che in oltre la metà dei casi provoca invalidità. Tra i sopravvissuti, infatti, oltre 50 milioni sono costretti a convivere con una forma di disabilità permanente. Sono le cifre presentate alla vigilia della Giornata mondiale dedicata alla lotta alla malattia dall’organizzazione mondiale per la lotta all’ictus Wso (Worls Stroke Organization). All’insegna dell’hashtag #UpAgainAfterStoke, la Giornata viene celebrata anche in Italia, dove l’ictus colpisce ogni anno circa 150.000 persone e dove quelle sopravvissute sono almeno 800.000, secondo i dati dell’Associazione per la Lotta all’Ictus cerebrale (Alice). La malattia consiste nell’interruzione improvvisa dell’afflusso di sangue nel cervello e, quando questo accade, le cellule nervose possono essere seriamente danneggiate o distrutte. Per questo motivo sopravvivere all’ictus significa molto spesso dover affrontare problemi di invalidità. Se l’assistenza è un problema serissimo, la parola d’ordine della Giornata mondiale è ‘prevenzionè e le numerose iniziative previste in tutta Italia hanno l’obiettivo di informare sui fattori di rischio dell’ictus, sul «pericoloso legame» con questa anomalia del ritmo cardiaco, sulle diverse e innovative opzioni terapeutiche a disposizione e sulle limitazioni che ne possono derivare.

Ti potrebbero interessare anche:

STAMINALI/ Sofia prima vittima della nuova legge. Non ce l'ha fatta
STAMINA/ Iene implacabili, il Ministero della Salute mandava i pazienti a Brescia
Grande obeso muore d'infarto in attesa della gru per l'ospedale
Nuovo codice dei medici, sì alle nuove tecnologie ma senza rinunciare alla visita medica
La prenotazione la farà il medico, le Marche abbattono le liste d'attesa
Reumatologi, sulla appropriatezza degli esami la decisione spetta agli specialisti



wordpress stat