| categoria: salute, Senza categoria

Alcol, 17% intossicati al Pronto Soccorso ha meno di 14 anni

Il 17% degli accessi in Pronto Soccorso a causa di intossicazione alcolica riguarda i giovanissimi, sotto i 14 anni, il cui organismo è ancora ‘impreparato’ a metabolizzare l’etanolo. A lanciare l’allarme un articolo a cura della Società italiana di alcologia (Sia), che mira a contribuire, attraverso l’adozione di linee guida, a diminuire malattie e morti collegate al ‘binge drinking’, l’assunzione di molto alcol in un breve lasso di tempo.
Pubblicato sulla rivista Internal and Emergency Medicine, il lavoro è riportato sul portale dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss) Epicentro.
Secondo i dati, che elaborano quelli contenuti nel rapporto annuale del Ministero della Salute sull’utilizzo di alcol, il 15% dei quindicenni non si tira indietro di fronte al binge drinking. Eppure proprio questo rappresenta la causa più frequente di accesso al pronto soccorso tra i giovanissimi, ovvero l’1% di coloro che hanno fra 13 e 15 anni e il 2% tra 16 e 17 anni. L’effetto principale dell’assunzione di quantità eccessive di alcol (più di 5-6 drink) in poco tempo può provocare infatti un’intossicazione acuta che, in alcuni casi, può portare a insufficienza respiratoria, coma etilico e morte. “I giovanissimi – spiega Emanuele Scafato, direttore dell’Osservatorio nazionale alcol su Epicentro – sono i più esposti a tali rischi per l’immaturità delle capacità metaboliche dell’etanolo principalmente esercitate a livello epatico e che maturano nell’individuo adulto dopo i ventuno anni di età. Questo è il motivo per cui è più facile raggiungere una condizione di coma etilico con quantità di alcol decisamente inferiori a quelle ingerite da un adulto”. (

Ti potrebbero interessare anche:

Berlusconi, nessun veto sulla Cancellieri
ELETTORANDO/ "Alemanno difende la sanità? Ma se non sa neanche fare il sindaco.."
La Regione mette in campo 832 milioni per debiti sanità
Alemanno ci prova, in campo con "Prima l'Italia"
SCHEDA/ Usa, la scia di sangue in scuole e università
Renzi, no a sciacallaggi mediatici sui barconi



wordpress stat