| categoria: Roma e Lazio

AMA/ Solidarietà dell’ex presidente Benvenuti ai lavoratori in sciopero

Non vi è dubbio che si sta consumando una netta contrapposizione fra

gli attuali vertici di AMA e l’amministrazione comunale guidata dalla
Sindaca Raggi che sta producendo gravissime difficoltà nella gestione
della Municipalizzata, con una comprensibile sfiducia dei lavoratori
ed un servizio sempre più carente per la città”.
E’ quanto dichiara in una nota Piergiorgio Benvenuti, Ex Presidente di
Ama ed attualmente Presidente del Movimento Ecologista
Ecoitaliasolidale.
“Sta di fatto che in caso di mancanza dell’approvazione del bilancio
dell’Ama entro il 15 novembre l’effetto sarebbe indurre le banche ad
interrompere la linea di credito verso la Municipalizzata con una
gravissima conseguenza per il futuro dell’Azienda”.
“Vorrei esprimere – prosegue Benvenuti – ai lavoratori dell’Ama la
massima solidarietà, anche per l’ulteriore sacrificio di chi intende
partecipare allo sciopero di oggi indetto dalle organizzazioni
sindacali, lavoratori che non hanno alcuna responsabilità rispetto
alle decisioni ed alla programmazione del vertice dell’azienda e
dell’indirizzo strategico-politico dell’Amministrazione Capitolina in
tema di rifiuti. Un solidarietà nei confronti dei lavoratori
dell’Azienda –prosegue
Benvenuti- ma anche nei confronti dei cittadini ai quali non si
garantisce un adeguato
servizio, non solo oggi giornata di sciopero ma ormai quotidianamente,
una carenza che interviene negativamente anche sull’immagine della
Capitale”.
“E’ ora di fronteggiare seriamente le emergenze prodotte in questi
ultimi anni in materia di nuovi impianti, di servizi alla città, di
sviluppo della raccolta differenziata, di gestione dell’azienda,
complessivamente si sono fatti notevoli passi indietro ed a farne le
spese –conclude Benvenuti- sono
proprio i lavoratori dell’Ama, i romani e l’intera Capitale”.

Ti potrebbero interessare anche:

Fiumicinom, Montino si cancella da sè le scritte offensive
Grandi manovre per la nuova Giunta, i partiti pressano Marino
Da nove giorni accampati a Santa Maria Maggiore, si muovono i movimenti per la casa
Metro B ferma, passeggeri infuriati invadono la strada
DIETRO I FATTI/ Perché la scuola non ha salvato il bambino annegato a Maccarese



wordpress stat