All’ombra del Circeo sono tornate le paludi. Novanta anni dopo la bonifica dell’Agro pontino immensi acquitrini e centinaia di uccelli acquatici sono di nuovo i padroni incontrastati del territorio, mentre le città nuove fondate dal regime, Sabaudia e Pontinia, sono sommerse da acqua e fango. Tutto nel giro di poche ore. I temporali che si sono abbattuti sulla zona da sabato notte, oltre a provocare lo sprofondamento di un tratto della Pontina e a mietere una vittima, hanno spostato indietro nel tempo le lancette della storia, costringendo i pontini a fare i conti con un territorio difficile come ebbero modo di sperimentare i loro nonni, a partire dai tantissimi friulani e veneti che durante il fascismo giunsero qui per scappare alla fame e coltivare la terra appena strappata alla palude. «Mai vista una cosa del genere», si sente ripetere a Pontinia dai tanti cittadini che, con gli stivali e l’impermeabile, percorrono le strade trasformate in fiumi.

La città di fondazione è stretta tra il canale Botte e il fiume Sisto, entrambi esondati. Case e attività commerciali sono finite sommerse e nel cuore della cittadina sono arrivati persino i pesci. Qualcuno per cercare di sdrammatizzare ha percorso le strade principali in canoa o lanciato reti da pesca. Ma da scherzare c’è poco. I danni sono enormi. «Stiamo ancora affrontando l’emergenza e parlare di un bilancio del danno al momento è impossibile. Ci vorrà almeno un mese per capire», spiega il sindaco dem Carlo Medici che è anche presidente della Provincia di Latina. «Sono caduti 136 millimetri d’acqua in poche ore — aggiunge — e quanto accaduto ritengo sia imputabile a un evento eccezionale più che a problemi di manutenzione dei canali». Corsi d’acqua sulla cui pulizia punta invece il dito ad esempio Coldiretti. Sinora sono state censite 120 aziende della zona, fino a Terracina, completamente invase dall’acqua: hanno perso tutto il raccolto. «La terra non si vede più, sembra mare — racconta il direttore di Coldiretti Latina, Pietro Greco — E ho portato io stesso i tecnici del Consorzio di bonifica a vedere quanto accaduto. Il clima è cambiato, ma bisogna lavorare per essere preparati a tutto questo». Gli agricoltori sono disperati. I loro terreni sono di nuovo una immensa palude e dei loro ortaggi non c’è più traccia. Per non parlare delle semine. Un colpo notevole per la stessa economia del Lazio, con il 40% dell’export agroalimentare concentrato nella zona del Circeo.

Esondati anche i canali che attraversano il Parco nazionale, dove lo stesso centro visitatori si è trasformato in un pantano, e il lago di Caprolace. Le strade che attraversano quell’area sono state chiuse e non si contano gli alberi pericolanti e i rami caduti da rimuovere. In qualche borgo abitazioni e scantinati sono stati invasi addirittura da un metro e mezzo d’acqua. «Il canale era pulito ma le mareggiate non hanno fatto defluire l’acqua. I danni sono notevoli. Occorre adeguare l’intero sistema agli eventi prodotti dai cambiamenti climatici», si sfoga la sindaca civica di Sabaudia, Giada Gervasi.

Allagamenti poi attorno al lago di Paola, con il canale romano pieno di schiume. Il sistema idraulico della bonifica non tiene più. Almeno non quando arrivano le cosiddette bombe d’acqua. E anche le strade stanno cedendo. A partire dalla lungomare che su cui d’estate si riversano le migliaia di bagnanti che affollano il lido di Sabaudia e dove in più punti si sono create voragini tamponate con qualche sacchetto di sabbia: tra strada e duna c’è il vuoto. «Abbiamo attivato tutte le verifiche», assicura Gervasi.

Oggi si dovrebbe pian piano tornare alla normalità. Dovrebbe restare chiusa soltanto la scuola elementare e materna di Borgo Pasubio, a Pontinia, ma in tanti, imprenditori agricoli e cittadini, fino a notte hanno guardato preoccupati il cielo, temendo che altre piogge possano far definitivamente precipitare la situazione, mentre a Pontinia si continua a pompare acqua. La lotta tra l’uomo e la natura nella terra della maga Circe è ricominciata.