| categoria: Dall'interno

OperE false spacciate per vere, indagato Vittorio Sgarbi:

Scandalo alla fondazione “Gino De Dominicis”

Opere d’arte false, ma fatte passare per autentiche. È lo scandalo che ruota attorno alla fondazione Archivio Gino De Dominicis, di Roma, che ha portato a quattro misure cautelari e a 23 iscrizioni sul registro degli indagati. Sotto inchiesta, anche Vittorio Sgarbi, presidente della fondazione. Le contestazioni, a seconda delle posizioni, sono di associazione per delinquere, contraffazione di opere d’arte e ricettazione.

Nel corso delle attività di perquisizione, su richiesta della pm Laura Condemi, sono ste sequestrate 250 opere contraffatte, vendute a collezionisti. I carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale hanno eseguito misure cautelari. Due persone sono state arrestate, mentre per altre sue è stato disposto il divieto temporaneo di esercizio dall’attività professionale.

Il vicepresidente della Fondazione e il presunto falsario sono ai domiciliari. La misura interdittiva, invece, è scattata per due galleristi che, per l’accusa, farebbero parte dell’associazione a delinquere.

Ti potrebbero interessare anche:

Barcone con 207 migranti salvati nel Canale di Sicilia
SCUOLA/Oggi la Corte di Giustizia Europea decide le sorti di 140 mila precari
Il marito è morto quattro anni fa, "sì all'impianto di embrioni in una 50enne"
Con 'family bag' diventa chic portare via avanzi ristorante
Napoli, muore alla stazione dopo aver aspettato l'ambulanza per mezz'ora, medico e quattro infermier...
QUI VITERBO/ Nuovi corsi e master, l'Università della Tuscia si allarga



wordpress stat