| categoria: attualità

Etna, scosse e fumo: l’eruzione di Natale

Riapre con limitazioni l’aeroporto di Catania, continuano le scosse nella zona di Zafferana Etnea

E’ stato riaperto, con limitazioni operative, l’aeroporto catanese di Fontanarossa che da ieri subisce chiusure dello spazio aereo per l’attività eruttiva dell’Etna. Per ora sono consentiti 4 movimenti aerei l’ora. Non ci sono partenze, quindi potranno arrivare quattro velivoli l’ora. Sono continuate intanto nella notte e anche in mattinata
le scosse di terremoto sul vulcano registrate dall’Ingv. La zona dove i tremori sono maggiormente avvertiti è quella di Zafferana Etnea. Dalla mezzanotte sono state registrate 5 scosse, di cui due con epicentro Regalna (Catania).

Uno sciame sismico con oltre centocinquanta scosse, una nube di cenere visibile da decine di chilometri di distanza, tre bocche su cinque in attività, una o più nuove fratture sul fianco della montagna. L’Etna si era risvegliato alla vigilia di Natale, anche se la nuova attività non sembra destare preoccupazione particolare tra gli esperti: l’allerta resta ferma sul giallo, il livello più basso e, se non interverranno situazioni nuove nelle prossime ore, non sarà innalzata.

L’attività sul vulcano attivo più alto d’Europa era cominciata poco prima delle 9 del mattino: gli strumenti dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) che monitorano la montagna 24 ore su 24 avevano registrato oltre 130 scosse sismiche in poco più di tre ore. Due quelle più forti: una alle 13:08, con una magnitudo 4.0 registrata a due chilometri di profondità nella zona di Piano Pernicana, sul fianco nord est del vulcano a 6 km da Zafferana Etnea, e una di magnitudo 3.9 nella zona di Monte Palestra, sul fianco nord ovest. I terremoti sono stati accompagnati da quello che l’Ingv definisce un “graduale incremento del degassamento dall’area craterica sommitale” che, di fatto, sta interessando tre delle cinque bocche attive del vulcano.

Secondo gli esperti, prima si sono registrate sporadiche emissioni di cenere sia dalla Bocca Nuova sia dal Cratere di Nord-Est, culminate verso mezzogiorno in “un denso e continuo pennacchio di cenere scura” visibile da chilometri di distanza. E cinque minuti dopo è iniziata anche un’intensa attività stromboliana – vale a dire un’eruzione con esplosioni di energia moderata, lancio di brandelli di lava incandescente, lapilli e cenere – alla base meridionale del Nuovo Cratere di Sud-Est, verso Serra Giannicola.

Un’attività, dicono ancora gli esperti, dovuta all’apertura di una “fessura eruttiva”. L’attività stromboliana ha poi interessato anche la Bocca Nuova e al Cratere di Nord-Est. “Le reti geodediche Gps e clinometriche – sottolinea l’Ingv – mostrano vistose deformazioni dell’area sommitale”.

Ti potrebbero interessare anche:

ELETTORALE/ Vendola: se Monti fa autocritica possibile un compromesso
La mappa delle 500 poltrone in scadenza nelle partecipate del Tesoro, Sarmi il più pagato
Aereo abbattuto/ 1 - Malaysia, dallo choc alla rabbia
Brexit: Corte dà torto al governo May, voti Parlamento
AOSTA: DONNA UCCIDE I DUE FIGLI E SI SUICIDA
Berlusconi: mi candido alle Europee per senso di responsabilità



wordpress stat