| categoria: sport

UDINESE VITTORIA SCACCIA PAURA, INVOLUZIONE CAGLIARI

L’Udinese chiude il 2018 con una vittoria scaccia paura. È un successo che vale tre balzi in avanti in classifica, fondamentali come una boccata d’ossigeno per abbandonare il quart’ultimo posto in classifica. Lo fa grazie ai gol di Pussetto, migliore in campo, e Behrami tra la fine del primo e l’inizio del secondo tempo. Spreca anche un rigore con Lasagna. Ma è quanto basta per avere ragione di un Cagliari irriconoscibile, mai capace di incidere sulla partita, se non per qualche sporadica occasione, nella prima frazione di gara. Il primo tempo premia la concretezza dell’Udinese. I bianconeri di Davide Nicola, privi di De Paul, fermato da un turno di squalifica, si proiettano in avanti. Per bucare la difesa del Cagliari si affidano ai tiri da fuori di Fofana, spesso fuori misura, anche se la vera occasione capita sui piedi di Stryger Larsen. Il suo tiro, al 15′, viene respinto da Cragno che si salva con i pugni. L’esterno danese mette lo zampino anche nell’occasione del gol dei bianconeri, siglato al 39′, con un’apertura in verticale a tagliare il campo per Pussetto, su un’ottima palla recuperata in difesa da Opoku. Tre passaggi e l’Udinese è in gol. L’argentino non si fa pregare e con il sinistro in diagonale supera il portiere rossoblu. L’Udinese non si accontenta e tenta il raddoppio allo scadere con un destro a giro di D’Alessandro deviato in angolo dalla difesa cagliaritana. Angolo che non c’è nemmeno il tempo di battere. Il Cagliari, invece, mostra un gioco farraginoso. La squadra di Rolando Maran fatica a produrre occasioni da gol. Due quelle da segnalare nella prima frazione, al 27′ con un colpo di testa di Cerri su punizione, tiro deviato in angolo da Musso e poi al 43′ con un tiro a giro di Joao Pedro in area che termina fuori di poco. La partita rimane nelle mani dell’Udinese anche in avvio di ripresa. L’episodio da moviola arriva al 6′. Pussetto prende palla e scappa, solo, verso Cragno. Ceppitelli, in ritardo, manda a terra Pussetto al limite dell’area. La palla arriva sui piedi di Lasagna che calcia in rete ma l’arbitro aveva già fischiato il fallo. Espulsione per Ceppitelli e punizione dal limite. L’Udinese insiste alla ricerca del raddoppio. Lo sfiora all’11’ con una deviazione di Opoku sul secondo palo sugli sviluppi di un calcio d’angolo, fuori di poco. Lo trova un minuto più tardi con un tiro da fuori area di Behrami, servito da un passaggio all’indietro di Pussetto, dopo un traversone in area di D’Alessandro. Ma manca il colpo del ko al 16′ quando Lasagna prima si procura un calcio di rigore, subendo un fallo in area di Barella, poi vanifica tutto dal dischetto. Cragno capisce la traiettoria e respinge il pallone. Da segnalare ancora due interventi dubbi dell’arbitro con l’ausilio del Var, con cui prima decide di espellere Mandragora per un intervento su Cerri e poi di ignorare una trattenuta in area questa volta di Cerri su Stryger Larsen

Ti potrebbero interessare anche:

Volley rosa, parte bene il World Grand Prix: 3-0 all'Argentina
Crisi Napoli, 1-1 con Atalanta e coda di polemiche
Napoli, Lazio e Fiorentina: torna in campo l'Europa league
Azzurri: Lippi dice sì a Tavecchio, martedì incontrano Ventura
Pescara promosso in serie A, 1-1 con il Trapani nel ritorno della finale playoff serie B
Milan-Juventus 0-2: doppio Higuain stende i rossoneri e regala la vetta ad Allegri



wordpress stat