| categoria: attualità

La guerra dei botti, decine di feriti

Capodanno: Gdf, sequestri di botti illegali in tutta ItaliaDonna colpita da un razzo: grave. Ragazzo perde la mano, un altro ustionato al volto. A Napoli 37 feriti. Incendi a Fiumicino

Nonostante i divieti, non sono mancati come sempre a fine anno incidenti causati dall’uso dei botti. In provincia di Milano, a Cesate, un giovane è in gravi condizioni dopo lo scoppio di un petardo che gli ha dilaniato le mani e ferito volto e testa. Il ragazzo ha riportato una grave ferita alla testa e alle mani, una delle quali, la sinistra, è stata dilaniata. La destra ha perso un dito e il volto ha riportato ustioni.

Una donna di 36 anni è ricoverata in condizioni molto gravi all’ospedale Rummo di Benevento dopo essere stata colpita dalla scheggia di un grosso ordigno esploso all’esterno della struttura dove si stava festeggiando l’arrivo del nuovo anno. È accaduto a Sant’Agata dei Goti. Complessivamente, sono quattro i feriti nel Sannio. Gli altri tre sono lievi. Si tratta di una persona di Benevento e di altre due residenti in altre province. Hanno dovuto fare ricorso ai sanitari del «Rummo» per lievi ustioni provocate dalla esplosione dei botti.

A Bardonecchia (Torino) un 19enne ha perso una mano ed è rimasto gravemente ferito a una coscia. Per cause ancora in corso di accertamento da parte delle forze dell’ordine il giovane, mentre si trovava all’esterno di un locale a Campo Smith, è rimasto ferito dall’esplosione di un petardo. Soccorso il giovane è stato elitrasportato al Cto di Torino dove si trova tuttora ricoverato. Non risulta essere in pericolo di vita.

A Napoli e provincia i feriti, secondo un primo bilancio della questura, sono stati 37, uno in meno dell’anno passato. Cinque di loro sono ricoverati in ospedale con prognosi di 30 giorni per traumi da esplosione. Ventitre le persone ferite in città, 14 in provincia. Coinvolti a Napoli anche tre minori, di 11 anni e mezzo, 12 e 17 anni. Il dodicenne, in particolare, è stato ricoverato all’ospedale Vecchio Pellegrini per un trauma da scoppio di petardo alla mano destra, con una prognosi di 30 giorni. Un cittadino polacco di 21 anni è stato ferito a Ischia alla mano destra dallo scoppio di un petardo, trauma all’occhio sinistro per un cittadino di Moncalieri. In totale, cinque dei feriti sono ricoverati con 30 giorni di prognosi.

In Basilicata, per i botti, è di sei feriti, dei quali nessuno grave, il bilancio della notte di Capodanno che, con una grande festa di piazza, ha segnato l’ingresso di Matera nell’anno da Capitale europea della Cultura 2019 che sarà ufficialmente inaugurato il 19 gennaio prossimo. Ieri la città dei Sassi ha ospitato prima la 51/a Marcia
nazionale per la Pace e poi la trasmissione di Rai1 «L’anno che verrà» in diretta da Piazza Vittorio Veneto, affollata da circa 7.500 persone, il numero massimo consentito dal piano della sicurezza.

Le squadre della Protezione civile di Fiumicino sono dovute intervenire dopo la mezzanotte per spegnere due incendi di vegetazione, probabilmente causati da scoppi di petardi. Intorno all’1:30 un intervento ha riguardato un’area boschiva a ridosso di viale di Focene, evitando che le fiamme potessero estendersi nella zona limitrofa di Macchiagrande. Il rogo è stato domato in circa 40 minuti. Un secondo intervento si è invece svolto in via Redipuglia, nella zona di Isola Sacra.

Ti potrebbero interessare anche:

Berlusconi contrattacca sul Professore: colpa sua se l'Italia è a un passo dal baratro
MONTEPASCHI/ Il Pm di Trani sequestra 358 mila euro
Ebola, medico italiano di Emergency contagiato in Sierra Leone
Migranti, emergenza nei Balcani: attese oltre 3mila persone al giorno in Macedonia
Gay, Papa Francesco scrive all'autrice dei libri gender: "Andiamo avanti in modo sempre più pro...
Inferno a Bologna: riaperta carreggiata A14, Conte in visita ai feriti



wordpress stat