| categoria: attualità

Chiude il Cara di Castelnuovo, trasferiti i richiedenti asilo

A marzo 2016 Papa Francesco lo scelse per la celebrazione della lavanda dei piedi del giovedì santo, inchinandosi per il rito davanti a 12 profughi, ora il Centro di accoglienza per richiedenti asilo di Castelnuovo di Porto sta per chiudere i battenti, infuocando la polemica politica e non solo. La struttura sarà completamente svuotata e chiusa entro fine mese mentre i circa 500 migranti attualmente presenti saranno trasferiti altrove. Ad annunciare la chiusura era stato proprio il Comune della cittadina a nord di Roma sottolineando: «a poco più di un mese dalla conversione in legge del cosiddetto Decreto Sicurezza, il Cara sembrerebbe in chiusura». E con l’avvio dei trasferimenti dei migranti, partito oggi, è scattata la polemica e la preoccupazione. «Siamo dispiaciuti e preoccupati. Chiediamo che non vengano trattati come bestiame», ha detto all’agenzia Sir il parroco della vicina chiesa di Santa Lucia, padre José Manuel Torres.
Mentre esponenti del Pd hanno stigmatizzato procedure portate avanti «senza adeguato preavviso, separando donne, uomini e bambini, secondo una modalità che ricorda i lager nazisti», come ha tuonato il deputato Roberto Morassut. In serata è arrivata la replica secca del ministro dell’Interno: «Salvini deporta i bambini, i migranti. Razzista, fascista, nazista… balle spaziali. Tutti gli ospiti che erano dentro e che hanno diritto – ha aggiunto – saranno trasferiti con altrettanta generosità, perché se sei qui a chiedere asilo politico, non puoi pretendere di andare a Cortina. Se hai diritto rimani, altrimenti cominciano le pratiche perché tu torni da dove sei arrivato».E poi ha aggiunto: «Useremo i soldi risparmiati per aiutare gli italiani o chiunque abbia bisogno». Il centro di Castelnuovo di Porto, attivo da oltre 10 anni, è arrivato ad ospitare fino a mille migranti. E si è distinto per i progetti di integrazione che ha portato avanti, come ricorda lo stesso Comune. Oggi è scattato il trasferimento dei primi 30 ospiti in centri della Basilicata e della Campania. Altri, invece, hanno lasciato la struttura da soli. Diversi sono stati avvistati già da stamattina alle fermate degli autobus diretti a Roma. Portandosi dietro le loro povere cose. Tra loro anche una ragazza somala di 25 anni che non sapeva dove andare. L’operazione, si è appreso da fonti del Viminale, che comporterà risparmi per circa un milione all’anno di affitto, è stata resa possibile dal crollo del numero degli sbarchi ed era già programmata nell’ambito dello svuotamento dei grandi centri come già fatto per Cona e Bagnoli in Veneto. Ventisei senatori del Pd hanno presentato sulla vicenda un’interrogazione al ministro Salvini. «Viene chiusa una struttura di integrazione che in questi anni ha raccolto diversi riconoscimenti, dall’Acnur a Migrantes, e che ha permesso di salvare e aiutare 8 mila profughi, tra i quali 700 minori», spiega la senatrice Annamaria Parente.

«

Ti potrebbero interessare anche:

Coca cola sicura e sana? Nel dubbio l'antitrust fa cambiare l'etichetta
Teheran: "Vendetta divina per l'Arabia Saudita"
Il parroco benedice Iphone e tablet: "Aiutano nella fede"
La Corea del Nord minaccia il mondo, l'Onu condanna
Caccia ai terroristi in tutta Italia: controllati 27 mila furgoni: 24 arresti e 114 denunciati
TELEFONI,SOCIAL,PEDINAMENTI,COSÌ HANNO STANATO BATTISTI



wordpress stat