| categoria: sanità

Primo intervento su cuore invecchiato, Musumeci: sembrava cosa impossibile

«Abbiamo ottenuto un risultato che sembrava quasi impossibile» e che «apre una nuova prospettiva per il trattamento di questa malattia». Queste le parole del professore Francesco Musumeci, a capo dell’equipe cardiochirurgica dell’ospedale San Camillo di Roma, che ha operato per la prima volta al mondo il cuore di un paziente affetto da sindrome dell’invecchiamento precoce, Sammy Basso. La progeria è una malattia dovuta a una rarissima mutazione genetica che colpisce appena 5 persone in Italia, 100 pazienti in tutto nel mondo. Chi ne soffre presenta, già da giovanissimo le patologie che normalmente caratterizzano la vecchiaia, come infarto, ictus e insufficienza cardiaca. Nel caso di Sammy, si trattava di insufficienza della valvola aortica, una calcificazione che evolve fino alla morte. «Interventi di questo tipo – ha spiegato Musumeci – si svolgono normalmente in persone anziane ma per la prima volta è stato effettuato su un paziente che ha 23 anni all’anagrafe ma con condizioni cliniche di un ottantenne. Abbiamo posizionato la protesi valvolare con un catetere introdotto attraverso l’apice del ventricolo sinistro, l’unica via di accesso alla valvola aortica in questo caso. Il rischio era una rottura del cuore, che per fortuna non c’è stata. Il risultato è stato al di la di ogni aspettativa». Durante l’intervento è stata stata fata un’angioplastica della coronaria di destra non programmata. «Solo la convergenza di discipline – ha concluso – consente di raggiungere risultati eccellenti, cosa che qui abbiamo fatto»
Un intervento che entra nella letteratura scientifica ma che si inserisce anche in un’attività di eccellenza svolta quotidianamente nel nostro centro». Questo il commento del direttore generale dell’Ospedale San Camillo Forlanini di Roma, Francesco d’Alba, in merito all’intervento al . La delicata operazione, ha sottolineato in conferenza stampa, «ha rappresentato la congiunzione di tre elementi in un ospedale pubblico: assistenza, attività di eccellenza chirurgica e la possibilità di fare ricerca scientifica e entrare nella letteratura

Ti potrebbero interessare anche:

Ostetrici ginecologi a rischio estinzione, troppo onerosi i risvolti assicurativi
Neonata morta, l'atto di accusa dell'assessore Borsellino
Anaao, ispettori in ospedale e la politica si auto-assolve
Influenza: medici famiglia, sarà più pesante, vaccinatevi
Oms, tassa su bibite zuccherate può ridurre obesità e diabete
Veneto la piu' virtuosa in sanità, ultima la Campania



wordpress stat