| categoria: Il Commento

Teste coronate in pericolo. Chi comanda sul serio a Viale Mazzini?

Giulio Terzi
Cominciamo col dire che il servizio che la Rai offre alla collettività (pubblico pagante suo malgrado) è sempre meno qualificato, verrebbe da dire sempre più scadente. Pochi programmi e pochi personaggi si salvano nella sciatteria generale. Anche i telegiornali sono spesso imbarazzanti, per quello che dicono (per come lo dicono) e per quello che non dicono. Scimmiottano tempi andati, ma allora c’erano almeno giornalisti di livello. Non si capisce chi comandi, oggi, chi dia gli ordini, chi dia la linea. I professionisti della notizia tv scelgono il low profile, non si espongono, buttano dentro robaccia o comunque servizi mediocri tanto per riempire? Sotto traccia, nei corridoi, intanto la guerra è aperta. Le scelte di Freccero fanno discutere, ogni tentativo di mettere in gioco personalità diverse viene stoppato da fuoco incrociato. Pare ci sia un caso Maglie, ad esempio, La giornalista ex Rai ed ex molto altro ha la lingua aguzza, è dura, decisa, incisiva, spesso imbarazzante. Le vorrebbero offrire una striscia, ma in virtù del retaggio del passato la cosa non passa. Come pare non passi, per ora, il ridimensionamento (soprattutto sotto il profilo dell’ingaggio) del potentissimo Bruno Vespa. Un pezzo di storia della Rai, indubbiamente capace di reggere come pochi. Ma se si deve svoltare sul serio…La decisione è sospesa, meglio dirottare gli animi e i commenti sulla decisione (di Salvini) di togliere la scorsa al giornalista Ruotolo, ci si può sbrodolare di più in commenti e grida di dolore. Sotto sotto potrebbe scapparsi una giubilazione di Fabio Fazio, decisamente schierato e resistente ad ogni tentativo di spoil system. Prende un sacco di soldi e ha un sacco di spazio. Il problema è che comunque riempie palinsesti e che evidentemente gode di coperture robuste. Il grigiore crescente della Rai finisce per dare lustro alla concorrenza, decisamente più tonica e scintillante. Quando a Viale Mazzini se ne accorgeranno sarà troppo tardi.

Ti potrebbero interessare anche:

Cusani il ribelle sfida lo Stato. Che finge di non accorgersene
Il problema della giustizia non è nelle ferie dei giudici, ma nei giudici stessi
Gli inganni di regime
La doppia sfida all'Ok Corral
Governo nella trappola dei media
Un sabato molto speciale a Piazza San Giovanni



wordpress stat