| categoria: sanità Lazio

APRE AL SAN FILIPPO NUOVO REPARTO PSICHIATRICO

Il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ha inaugurato questa mattina il nuovo reparto Spdc, Servizio psichiatrico diagnosi e cura, dell’ospedale San Filippo di Roma. Costato 680 mila euro, sedici posti letto, il reparto misura 821 metri quadrati, il doppio del precedente, a cui vanno aggiunti 40 metri quadrati di ‘giardino terapeuticò per i pazienti. La progettazione di questo spazio è stata completata con lo studio del verde con l’intento di creare un luogo studiato per originare nei pazienti sensazioni di benessere, e alcuni malati potranno essere coinvolti anche nella cura delle piante stesse.? Con Zingaretti l’assessore alla Sanità Alessio D’Amato e il direttore generale della Asl Roma 1 Angelo Tanese, che ha illustrato le caratteristiche della struttura. Il nuovo reparto è integrato con il Pronto Soccorso, ha spiegato Tanese, e contribuisce anche a un migliore rapporto con gli altri servizi territoriali del Dipartimento di Salute Mentale nel costruire risposte a problemi di salute altamente complessi, come il ricovero dei minori, la gestione delle psicosi sintetiche e della patologia peri-partum, con l’eventuale sviluppo di un’Unità Madre-neonato al bisogno. ?Anche dal punto di vista del personale, la Asl Roma 1 solo nel 2018 ha assunto 13 psichiatri, 12 psicologi, 5 neurospichiatri infantili, 2 tecnici della riabilitazione psichiatrica, 4 assistenti sociali e 29 infermieri. Tutti gli spazi e gli arredi sono ispirati a criteri di qualità e sicurezza, con un comfort alberghiero: finestre prive di sbarre ma antisfondamento, porte scorrevoli e bagni assistiti, ed è stata creata una ampia zona living per le attività comuni. Ripensato totalmente il modello di cura, a partire dall’assistenza infermieristica migliorando il clima complessivo e riducendo gli elementi di violenza, frequenti in un luogo dove si realizzano anche trattamenti contro la volontà del paziente. «Il S. Filippo – ha detto ancora il dg – è un cantiere in divenire, abbiamo fatto tantissima strada ma l’apertura del Spdc è una tappa storica dell’ospedale. È un passaggio forte tra passato e futuro. Fu forse il primo reparto a essere aperto a Roma subito dopo la legge Basaglia, assieme a S. Giovanni e S. Camillo. Oggi a distanza di 40 anni dalla legge Basaglia – ha concluso Tanese – siamo pronti ad aprire una nuova fase che costruisce un nuovo modello».

Ti potrebbero interessare anche:

VITERBO/Sanità all’orlo del collasso, le belle parole non bastano
Fatebenefratelli all'attacco, la Regione non osserva le sentenze del Tar e del Consiglio di Stato
SOS trauma, simulando le emergenze si salvano vite vere
San Filippo Neri, occupato il reparto di traumatologia. E Zingaretti cosa fa?
Spesa sanitaria, nasce il "magazzino digitale", database per tracciare il "viaggio&qu...
Al Belcolle di Viterbo va in onda la rivoluzione della lista unica



wordpress stat