| categoria: politica

Se Cantone se ne va finisce l’Anac?

Nel giro di qualche tempo Raffaele Cantone lascerà la guida dell’Anac. Come da lui stesso affermato ha inoltrato domanda al Csm per il collocamento in tre diverse procure. Una mossa che non lascerà inalterato l’Anac. Il lavoro svolto da Cantone, magistrato con una lunga e importante carriera in materia di anticorruzione e contrasto alla criminalità organizzata, non è però sempre piaciuto a tutti. L’Anac non resterà così com’è. Le idee sono due. La prima è quella di un profondo cambiamento dell’Authority e delle sue funzioni e competenze (accompagnato da un nuovo codice degli appalti). In questo caso c’è già chi sussurra il nome di Davigo, nome politicamente non organico a nessun partito ma molto apprezzato dal M5s, che potrebbe diventare il grande riformatore dell’Anac. La seconda ipotesi potrebbe addirittura essere quella della sua abolizione. Una cosa è certa: dopo Cantone l’Anac non sarà più la stessa.

Ti potrebbero interessare anche:

Caso Shalabayeva, Bonino in Parlamento. Per ora non espelleremo l'ambasciatore. Il governo kazako: r...
Campania, ora è sindrome Liguria. Crescono i dubbi sulle primarie
TRIVELLE/ Mattarella firma il decreto, referendum il 17 aprile
BANCHE/Renzi: «Rimborso fino all'80% per i cittadini con reddito sotto i 35 mila euro»
Anci: Decaro eletto presidente
Dpcm, l'ipotesi: tamponi per chi arriva da Gb, Olanda e Belgio



wordpress stat