| categoria: esteri

Gilet gialli, molotov davanti al Senato a Parigi. In 30 bloccati alla frontiera italiana

Ancora un sabato di caos per i gilet gialli a Parigi e nelle principali città francesi. Una molotov è stata lanciata al passaggio di una parte del corteo davanti al portone del Senato, nelle vie adiacenti ci sono stati danni alle vetrine, cariche e lancio di lacrimogeni da parte della polizia. Si tratta del 13esimo atto della protesta. Il corteo ha poi preso la direzione di Montparnasse, deviando in parte dal percorso autorizzato dalla prefettura. Poliziotti in assetto antisommossa sono in testa al corteo, furgoni blindati sono in coda.

Trenta bloccati alla frontiera italiana. Una trentina di gilet gialli guidati da Maxime Nicolle, alias Fly Rider, presente ieri anche nella manifestazione a Sanremo, sono stati bloccati dalla polizia sul percorso che avevano intrapreso per varcare la frontiera con l’Italia. I circa 30 gilet gialli si erano dati appuntamento allo stadio di Nizza, poi si erano diretti verso l’autostrada A8 per dirigersi a Mentone e verso l’Italia. Sono stati bloccati dalla polizia, compreso Nicolle che tentava di passare in auto. Un massiccio sbarramento di forza dell’ordine è stato predisposto dalla mattina sull’autostrada A8, all’altezza del casello de La Turbie, nei pressi di Montecarlo e anche nei pressi dell’imbocco del porto di Mentone Garavan, a pochi passi dalla frontiera franco italiana. A quanto si apprende – e secondo quanto riportato anche dall’edizione online del quotidiano francese Nice Matin – il vasto servizio d’ordine, che ha visto impegnata pure la gendarmeria, sarebbe stato organizzato per filtrare l’afflusso di gilet jaunes alla frontiera italiana. A un certo punto, l’autostrada è stata del tutto chiusa, con uscita obbligatoria a La Turbie. Lunghe code si sono registrate anche sulla route nationale. «Sono entrato in Francia poco fa – annuncia dal proprio profilo Facebook il segretario della Lega di Ventimiglia, Andrea Spinosi -. Attenzione mega posto di blocco della gendarmerie e della police national direzione Italia all’ingresso porto di Garavan: controlli in uscita Francia sia verso ponte San Ludovico, che verso ponte San Luigi». E aggiunge: «La coda verso Ventimiglia inizia dal Casinò di Mentone. Quindi, almeno quattro chilometri». E conclude: «non ho potuto fare foto del posto di blocco, perché naturalmente i gendarmi me lo hanno impedito. Belin come sono suscettibili, alla faccia della fraternitè».

Manifestante perde la mano. Un manifestante ha perso mano durante scontri fra gilet gialli e polizia davanti all’Assemblea Nazionale a Parigi. Secondo fonti della polizia citate da Bfmtv, l’uomo, che non indossava un gilet giallo, si è gravemente ferito nel tentativo di raccogliere una granata con gas lacrimogeno che era caduta a terra. Gli scontri sono avvenuti nella 13esima giornata di mobilitazione dei gilet gialli. Secondo Bfmtv, un altro manifestante è stato ferito dopo che un commissario di polizia ha ricevuto un pugno in faccia. Al momento, riferiscono i media francesi, dieci persone sono state fermate dalla polizia.

Ti potrebbero interessare anche:

GRECIA/ Abolito il controverso ticket per i ricoveri ospedalieri
FOTOCHOC/ Donne yazidi e cristiane vendute al mercato come bestie
Ue: Mogherini Lady Pesc, sì unanime da Europarlamento
Nuova Zelanda al voto per cambiare la bandiera
Parigi, cinture esplosive dal Belgio
Iran, la Svizzera sblocca 12 milioni di franchi dopo la fine delle sanzioni



wordpress stat