| categoria: esteri

MIGLIAIA IN PIAZZA A MADRID CONTRO IL PREMIER SANCHEZ

La destra spagnola scende in piazza a Madrid contro Pedro Sanchez. Almeno 45mila persone hanno manifestato nella capitale spagnola per chiedere le dimissioni del premier, considerato un traditore per aver avviato colloqui con i separatisti catalani. La manifestazione, la più imponente finora contro Sanchez, è stata organizzata dai partiti di destra, Partito popolare e Ciudadanos, con il supporto del movimento di estrema destra Vox, e giunge a due giorni dall’inizio del processo in Corte Suprema per i leader catalani accusati di ribellione dopo il referendum del 2017. I dimostranti hanno riempito Plaza de Colon sventolando migliaia di bandiere spagnole e intonando slogan come ‘Per una Spagna unita, elezioni ora!’, ‘Lunga vita alla Spagnà. Ad infiammare gli animi è stata la proposta del governo socialista di nominare un mediatore nelle trattative per affrontare la crisi catalana. L’opposizione l’ha considerata un tradimento e una resa alle pressioni dei separatisti e ha chiesto le elezioni anticipate anche se gli indipendentisti hanno comunque respinto la proposta. «Il tempo del governo di Sanchez è finito», ha detto il leader del Partito popolare Pablo Casado, il quale ha lanciato un invito agli elettori a boicottare i socialisti alle elezioni europee di maggio. «È ora di tornare all’armonia e alla legalità», ha aggiunto. Da quando è arrivato alla Moncloa, prendendo il posto del conservatore Mariano Rajoy, Sanchez sta cercando di allentare le tensioni tra l’autorità centrale e i leader catalani. Ha già incontrato due volte il presidente indipendentista Quim Torra e i membri del suo governo e si è detto disponibile ad aiutare i legislatori catalani ad accettare uno statuto che determini la quantità di autogoverno di cui la regione possa godere. Ma venerdì il governo ha bruscamente interrotto i colloqui con i catalani dopo che il vicepresidente, Carmen Calvo, ha fatto sapere che i separatisti non rinunciano all’idea di tenere un referendum sull’indipendenza. La situazione per il premier è diventata ancora più complicata in vista del voto sulla sua proposta di bilancio previsto mercoledì. Sanchez detiene, infatti, solo un quarto dei seggi in Parlamento e per far approvare i disegni di legge deve avere i voti del partito anti-austerity Podemos, dei nazionalisti catalani e di altri piccoli movimenti. Ma i catalani hanno già fatto sapere che il loro voto è condizionato dai colloqui con Madrid, inclusa la questione dell’indipendenza, che invece il governo socialista non tiene nemmeno in considerazione. Un fallimento sulla proposta di bilancio farà aumentare le pressioni sul premier in direzione di elezioni anticipate. Elezioni che, secondo i recenti sondaggi, vedrebbero la vittoria di una maggioranza nazionalista formata da Pp, Ciudadanos e Vox

Ti potrebbero interessare anche:

Russia, Putin vara la legge contro il fumo nei locali pubblici
FOCUS/ "Giorno della Vittoria" di sangue in Ucraina, oltre 20 morti e Est
Is, braccio destro di al-Baghdadi ucciso in raid Usa
La Nato studia un futuro per l'operazione Afghanistan
Incendio in campo profughi di Lesbo, migliaia in fuga
MONTA LO SCANDALO DEGLI ABUSI NELLA CHIESA IN PENNSYLVANIA



wordpress stat