| categoria: gusto

Prezzi in calo per il pecorino romano, export a picco

Assolatte lancia l’Sos per il comparto ovi-caprino. ”La situazione – sottolinea in una nota l’associazione italiana lattiero casearia – è davvero preoccupante: momenti difficilissimi, dovuti ad una serie di cause concomitanti. Durante la campagna 2017/2018, la produzione di latte di pecora ha avuto un notevole incremento (10-15%). Lo stesso ha fatto quella di Pecorino Romano, principale destinazione del latte sardo, aumentata del 24%. Mentre i consumi interni diminuiscono, anche le esportazioni, motore del settore, sono andate a picco (-33%), soprattutto quelle verso il mercato nord americano, dove il calo dell’export ha raggiunto il 44%”. “Una polveriera, la cui miccia ha bruciato per settimane, senza che nessuno muovesse un dito” lamenta Giuseppe Ambrosi, presidente di Assolatte nel chiedere che anche la politica faccia la sua parte. “Il settore è in crisi” ribadisce Ambrosi che chiede di ”ritirare una parte di prodotto dal mercato, è fondamentale trovare risorse per gli allevatori in crisi e dare alle imprese più strumenti”

Ti potrebbero interessare anche:

Tour enogastronomico nel Ponente genovese, dalle serre sul mare alle antiche botteghe
EATALY/Nasce a Bologna la Disney World del cibo
Chef Rubio, rinunciate alla colomba, l'Italia è piena di veri dolci
Modena vince la sfida del tortellino al salone delle sagre di Ferrara
Va' dove ti porta il cibo, è il momento del turismo culinario
Nasce 'Cacciucco Pride', Livorno avrà Festival Cacciucco



wordpress stat