| categoria: gusto

Prezzi in calo per il pecorino romano, export a picco

Assolatte lancia l’Sos per il comparto ovi-caprino. ”La situazione – sottolinea in una nota l’associazione italiana lattiero casearia – è davvero preoccupante: momenti difficilissimi, dovuti ad una serie di cause concomitanti. Durante la campagna 2017/2018, la produzione di latte di pecora ha avuto un notevole incremento (10-15%). Lo stesso ha fatto quella di Pecorino Romano, principale destinazione del latte sardo, aumentata del 24%. Mentre i consumi interni diminuiscono, anche le esportazioni, motore del settore, sono andate a picco (-33%), soprattutto quelle verso il mercato nord americano, dove il calo dell’export ha raggiunto il 44%”. “Una polveriera, la cui miccia ha bruciato per settimane, senza che nessuno muovesse un dito” lamenta Giuseppe Ambrosi, presidente di Assolatte nel chiedere che anche la politica faccia la sua parte. “Il settore è in crisi” ribadisce Ambrosi che chiede di ”ritirare una parte di prodotto dal mercato, è fondamentale trovare risorse per gli allevatori in crisi e dare alle imprese più strumenti”

Ti potrebbero interessare anche:

Fast food o slow food? L’ Italia a due vie
Birre sotto l’Albero, ottava edizione: 13-14 dicembre a Roma
Crescono a 3mila espositori a Cibus, c'è sezione piatti Islam
'Chef in comune', a Courmayeur cene stellate di beneficenza
Torna Taste of Milano 2017, festival degli chef
Oggi la festa del gelato a primavera ad Amatrice, distribuiti 150 chili di prodotto artigianale



wordpress stat