| categoria: editoriale

Stiamo perdendo il senso della realtà

Stiamo perdendo il senso della realtà e comunque andrà a finire la cronaca politica e giudiziaria di questi giorni verrà ricordata a lungo. La vicenda Diciotti sta assumendo connotati grotteschi senza che nessuno possa porvi rimedio. Da un lato i giudici siciliani fanno intendere di essere pronti a indagare praticamente l’intero governo. Il premier Conte, il vice premier Di Maio, il ministro Toninelli, rei di aver formalmente preso posizione affiancando il quasi-imputato ministro dell’interno Salvini. Non si era mai assistito ad una simile presa di posizione, che può portare a nulla ma può anche costituire un pericoloso precedente; dall’altro lato per sciogliere pilatescamente il proprio problema di coscienza il vertice del M5S ha affidato alla base del Movimento la decisione sulla posizione da prendere in commissione quando si tratterà di decidere se Salvini va processato o meno. In parole povere, scegliete Barabba o Salvini? Si può affidare una decisione cruciale per il governo ad una sorta di referendum umorale tra gli aderenti alla piattaforma Rosseau? C’è una soglia, uno sbarramento? Poche migliaia di militanti potranno decidere se mandare al rogo o meno il ministro dell’interno? E questo nonostante i leader grillini siano consapevoli del rischio che corre il paese, che corre il governo per una decisione in un senso o nell’altro? Una autentica follia. Ma Di Maio e compagnia hanno più paura delle reazioni della rete che degli effetti sul futuro dell’Italia. C’è una buona dose di incoscienza, certamente, e sotto sotto anche la voglia di vendicarsi dell’alleato Salvini divenuto troppo forte. Ma in che mani siamo finiti? Che fossero degli apprendisti stregoni, che il mestiere di politico, di statista non si imparasse sul Bignamino lo sapevano tutti. Ma che si potesse andare a fondo in un modo così stupido e che esistessero ancora dei giudici così poco consapevoli del peso del loro ruolo e delle loro iniziative francamente non lo immaginava nessuno.

Ti potrebbero interessare anche:

Povero Veneto, ha già tanti problemi. Questa non ci voleva
Quel sasso sui binari rischia di far deragliare Renzi
Il problema della giustizia non è nelle ferie dei giudici, ma nei giudici stessi
Matteo l’Africano, è partita la campagna di Libia
Quando la giustizia è miope e tutela solo i presunti colpevoli
Violenza alle donne e ipocrisia di Stato



wordpress stat