| categoria: sport

CALCIO:«VERGOGNA» PRO PIACENZA,CLUB FUORI DA CAMPIONATO

La surreale partita in Serie C, giocata da sette ragazzini e un massaggiatore del Pro Piacenza a Cuneo, che ha stravinto 20-0, ha partorito sanzioni pesanti. Anzi, pesantissime: subito l’esclusione dal campionato di competenza, fino alla decisione suprema del presidente Figc, Gabriele Gravina, che ha revocato l’affiliazione del club. La decisione è stata presa dopo «le gravi violazioni regolamentari nella partita di Cuneo, tali da far venire meno le condizioni minime previste dal sistema federale per la partecipazione al Campionato di Serie C, che si aggiungono alle altre numerose irregolarità documentate». Un paio d’ore prima, il caso Pro Piacenza era stato esaminato dal giudice sportivo, che aveva già usato la mano pesante, decretando l’esclusione del club emiliano dal campionato e la sconfitta a tavolino 3-0. Erano stati sanzionati anche il massaggiatore-calciatore, con una squalifica fino al 31 dicembre, e uno dei tesserati, Salvatore Adelfio, inibito fino al 31 dicembre 2021. Il Pro Piacenza dovrà anche pagare una multa di 20 mila euro. Anche la scure del Tfn aveva colpito punendo, assieme ad altre tre società, Matera, Cuneo e Lucchese, il club emiliano per la mancata presentazione di una garanzia fidejussoria. I quattro club dovranno scontare 8 punti di penalizzazione nella stagione sportiva e pagare un’ammenda di 35.500 euro. Sul caso Cuneo-Pro Piacenza è scesa in campo anche la politica. Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega allo sport, Giancarlo Giorgetti, ha definito «una vergogna inaudita», quanto accaduto. «L’umiliazione dei giovanissimi del Pro Piacenza è una cosa che non voglio più vedere», ha aggiunto«. »Vergogna« è la parola più ricorrente nei commenti. »In questa vicenda c’è un altro aspetto che mi inquieta: il fatto che i genitori non si siano opposti a far scendere in campo e a far vivere un’esperienza disastrosa a quei ragazzini per il solo scopo che, ai loro amici, tra qualche anno potranno dire ‘mio figlio ha debuttato nel calcio professionisticò«, le parole di Francesco Ghirelli, presidente Lega Pro. »Il giudice sportivo ha preso la decisione più corretta. Le violazioni perpetrate al sistema sono state tante e tali da avere quale unica conclusione quella alla quale è giunto il giudice sportivo«, ha poi fatto notare Ghirelli che poi, rivolgendosi ai genitori, spiega che »non è concepibile e deprecabile consentire ai propri figli di prestarsi a una situazione grottesca«.(

Ti potrebbero interessare anche:

Napoli, l'inseguimento continua: 2-1 al Catania
NUOTO/ Controllo antidoping a sorpresa per Federica Pellegrini
Serie A come la Premier, marsigliese e bandiere
Mondiali sci: prima medaglia per Italia, Goggia è bronzo
Juventus-Chievo 2-0: doppio Higuain, la Roma ora è a -9
La Juventus conquista la Coppa Italia: Lazio sconfitta 2-0



wordpress stat