| categoria: Cultura

MOSTRE: 19 CAPOLAVORI DI ANTONELLO DA MESSINA A MILANO

È l«Annunciatà, con i suoi occhi scuri e profondi e il viso luminoso incorniciato dall’azzurro del velo, l’opera icona della mostra che Palazzo Reale, a Milano, dedica ad Antonello da Messina, dal 21 febbraio al 2 giugno. Accanto alla Vergine, altri 18 dei 35 capolavori autografi di uno dei più importanti ritrattisti del Quattrocento: un tesoro prezioso, considerando il corpus limitato delle opere dell’artista messinese, conservato in differenti musei italiani e internazionali. Fino ad ora soltanto una volta, nel 2015, le sale di Palazzo Reale avevano ospitato una tela di Antonello da Messina; ora la mostra curata da Giovanni Carlo Federico Villa dona ai visitatori un’unica visione di insieme. »Una mostra storica – l’ha definita l’assessore comunale ai Beni Culturali Filippo Del Corno – la cui realizzazione è stata possibile grazie alla collaborazione di diverse istituzioni e che propone al pubblico un racconto affascinante di un artista innovatore«. L’esposizione, infatti, è nata grazie all’intesa tra la Regione Sicilia e il Comune di Milano, con prestiti provenienti da tutto il mondo. Tra questi, le figure di ‘Sant’Agostinò, ‘San Girolamò e ‘San Gregorio Magnò provenienti da Palazzo Abatellis a Palermo, il trittico composto da ‘Madonna con Bambinò, ‘San Giovanni Battistà e il ‘San Benedettò dagli Uffizi. E ancora l»Ecce Homò del Collegio degli Alberoni di Piacenza o il ‘Ritratto d’uomò della Pinacoteca Malaspina di Pavia, considerato per lungo tempo un autoritratto dell’artista. Non mancano poi capolavori dalle collezioni dei principali musei del mondo: la National Gallery di Londra, il Philadelphia Museum of Art o il Museo statale di Berlino. In mostra anche i taccuini, gli schizzi e gli appunti dello storico dell’arte Giovan Battista Cavalcaselle, restaurati per l’occasione e concessi in prestito dalla Biblioteca Nazionale Marciana, che saranno come una guida per i visitatori. Per il sindaco di Milano Giuseppe Sala, Antonello da Messina incarna anche lo spirito milanese: «È uomo rinascimentale, pienamente europeo» con uno stile «nato in Sicilia ma che ha sviluppato un dialogo con la pittura veneta e lombarda, arrivando poi a parlare agli artisti dell’intera Europa». Anche per questo Milano offre ai visitatori l’incontro con questo artista, «per ricordare a noi stessi e all’Europa chi siamo e cosa sappiamo essere quando la nostra cultura ha il coraggio di aprirsi, di competere e di confrontarsi con gli stimoli esterni», ha concluso il sindaco

Ti potrebbero interessare anche:

Maxxi, un cinese nuovo direttore artistico
Opera di Roma, un trionfo l'Ernani diretto da Riccardo Muti
Strega, gara sul filo di lana
Cinquant'anni fa la morte di Togliatti, icona Pci del dopoguerra
I figli della 'Ndrangheta nel nuovo libro di Angela Iantosca
Al viail mercato delle Gaite di Bevagna



wordpress stat