| categoria: sanità Lazio

Ospedale dei Castelli, di nuovo operativa la Risonanza magnetica da 1,5 Tesla

L’Ospedale dei Castelli è, sempre di più, una struttura a elevata performance tecnologica: la risonanza magnetica da 1,5 Tesla in dotazione alla nuova struttura sanitaria è adesso pienamente operativa grazie alla definitiva risoluzione di alcuni problemi tecnici all’impianto di refrigerazione sorti nei mesi scorsi per cause non dipendenti dalla Asl Roma 6. La squadra composta da sanitari, fisici e ingegneri clinici ha fatto in modo che la macchina sia oggi di nuovo nel pieno della sua funzionalità e questa mattina sono stati effettuati i primi esami diagnostici: una risonanza magnetica addominale, un esame della colonna lombosacrale e due dell’encefalo.
La Asl Roma 6, subito dopo aver riscontrato il guasto, nei mesi scorsi aveva predisposto un piano di sicurezza finalizzato alla riattivazione della macchina nel più breve tempo possibile.
La messa in funzione, ufficializzata da ulteriori certificazioni, è avvenuta nei tempi previsti, giovedì 28 febbraio, con il collaudo e l’installazione di un circuito di raffreddamento straordinario, esclusivamente dedicato alla risonanza.
“L’attivazione della risonanza magnetica da 1,5 Tesla rappresenta il completamento della diagnostica per immagini ad alta tecnologia che l’Ospedale dei Castelli ha a disposizione”, spiega il direttore generale, Narciso Mostarda, “l’insieme dei 12 strumenti comprende: 2 angiografi, 3 mammografi digitali con tomosintesi e uno anche con stereotassi, 2 risonanze magnetiche di cui una da 1,5 Tesla, 2 tac, 1 telecomandato digitale diretto per radiografie, 2 unità radiologiche polifunzionali”.

Ti potrebbero interessare anche:

IL CASO ACQUAPENDENTE/ Ore in ambulanza con emorragia, chiarisca la Procura
SAN CAMILLO/ Malasanità e disinformazione, come nasce il "caso Rosina"
Allarme rosso per il Cem, il Ministero boccia l'accordo. Rischio chiusura
LA DENUNCIA/ Morta all'ospedale di Tivoli legata alla barella. Il primario: prestate tutte le attenz...
Tutta colpa del Recup:esami prenotati e poi cancellati a Formia: c'è la festa del Patrono
RAPPORTO AIOP/ I tempi di pagamento scendono a sessanta giorni



wordpress stat