| categoria: sport

Lazio spreca a Firenze e resta indietro

Finisce 1-1 tra Fiorentina e Lazio, un risultato che non avvicina i viola alle posizioni europee della classifica ma che, più di tutto, allontana i biancocelesti dalla zona Champions. Vero che la squadra di Inzaghi deve recuperare la sfida contro l’Udinese (10 aprile) ma resta ancora lontana 2 punti dall’Atalanta, al 7/o posto. Il rammarico, per la Lazio resta soprattutto per il mancato 0-2 di Immobile dieci minuti dopo il vantaggio. Senza Chiesa, costretto ad uscire dopo 36′ per un problema muscolare (al retto dell’addome, in panchina si è messo le mani tra i capelli piangendo) a riacciuffare il pari per la Fiorentina ci ha pensato Muriel, sfruttando l’assist-capolavoro sulla fascia di Mirallas e superando Acerbi. Rispetto al derby Inzaghi ha cambiato pochissimo: dentro Patric e Immobile dal primo minuto rinunciando a Bastos e Caicedo. Cambia i fattori ma non cambia il prodotto. È stato Terracciano, in campo a difendere i pali della Fiorentina per la prima volta dal suo arrivo, nel mercato di gennaio, a evitare la disfatta facendosi alleati pure i pali. Al 21′ è stato lui a deviare sul palo la gran botta di Immobile, imbeccato da Milinkovic-Savic: non ha intercettato il destro dell’attaccante azzurro e, con l’aiuto del montante, ha allontana il pericolo. Questione di una manciata di minuti, due, e dopo il gol alla Roma nel derby su rigore Immobile stavolta ha portato in vantaggio la Lazio con un destro micidiale, su assist di Correa. Terracciano è stato poi provvidenziale altre tre volte su Milinkovic-Savic, Correa e nuovamente Immobile. Nella ripresa, Pioli ha messo Mirallas togliendo Edimilson, varando una squadra a completa trazione anteriore, e la chiave della gara, a destra, è stata tutta qui. Con il belga che al 16′ ha innescato Muriel. Poco dopo sempre il belga, con l’assistenza di Simeone ha sfiorato il possibile raddoppio pur anticipando Lulic. Chiusura senza grosse emozioni. Non perde nessuno ma il pari serve a poco. Sul fronte disciplinare, Veretout per la Fiorentina, diffidato e ammonito, salterà Cagliari, così come Immobile, che salterà il Parma. Da segnalare gli applausi per Milan Badelj, l’ex della gara, mentre stava raggiungendo la panchina della Lazio e all’ingresso in campo, e quelli invece partiti dal settore ospiti in memoria di Davide Astori, con un coro a lui dedicato al minuto 13.

Ti potrebbero interessare anche:

Da Uefa niente sconti, Lazio a porte chiuse
Garcia sulla Juve, i miracoli capitano e la Roma ci crede
Disfatta Inter travolta dal tridente del Sassuolo
F1/ Ferrari si conferma a Barcellona, sorprende Maldonado
LAZIO/ Dal Barcellona sondaggio per Candreva
SERIE B/ Crotone, festa rinviata, il Lanciano ferma il Cagliari



wordpress stat