| categoria: politica

CONSOB: OK ANAC A SAVONA, SU SINGOLI CASI PUÒ ASTENERSI

L’autorità anticorruzione ha esaminato il caso della compatibilità di Savona alla carica di presidente dell’autorità di vigilanza sui mercati, sotto i vari profili. Il primo perchè Savona è stato amministratore fino al 13 ottobre del fondo di diritto britannico Euklid e fino al 14 marzo 2018 dei fondi lussemburghesi Euklid Master ed Euklid Feeder. «La questione – è’ scritto nella delibera pubblicata sul sito – è stata oggetto di una specifica richiesta a Consob , la quale ha precisato di non aver rilasciato alcuna autorizzazione alle società presso le quali il professo Savona ha svolto le cariche sociali di cui in premessa, nè di aver reso pubblica altre informazioni sulle società stesse ad esempio nè di aver reso pubbliche altre informazioni sulle società stesse, ad esempio relative a partecipazioni rilevanti detenute in emittenti azioni quotate aventi l’Italia come Stato membro di origine». Per questo – prosegue la delibera – «slla base delle informazioni ricevute si può, quindi, ritenere che l’attività dei fondi di investimento del risparmio nell’ambito dei quali il Prof. Savona ha ricoperto gli incarichi di amministratore non sia stata oggetto del potere di regolazione e vigilanza da parte di Consob, con ciò escludendo la sussistenza del requisito in provenienza come sopra identificato». In pratica non c’è incompatibilità per aver ricoperto le cariche. L’autorità ha verificato anche ipotesi di conflitto di interesse, rispetto all’incarico pubblico, dovute al fatto che Savona, è ancora azionista di Euklid («sembri che lo stesso conservi nella società di cui è stato co-fondatore una partecipazione azionaria») e sul possibile rapporto di parentela con il Brand director di Euklid, Pierfrancesco Savona. In questo caso il nodo potrebbe sorgere, invece, nel caso in cui il fondo investa in Italia, perchè «pur operando per il tramite di algoritmi, effettua numerose transazioni al giorno anche su azioni di società italiane o comunque quotate sul mercato italiano». In questo caso «la tipologia del conflitto di interesse controllore/controllato si configura come un conflitto puntuale, limitato a singole decisioni adottate/adottabili dal controllore» ed «potrebbe essere facilmente ‘sterilizzabilè con l’astensione del controllore relativa ad ogni decisione che possa riguardare il controllato». L’Anac lancia però un warning, quando spiega che un «secondo rischio di conflitto di interesse» potrebbe derivare dal fatto che come presidente di Consob «potrebbe avere accesso ad informazioni riservate utili per la gestione del fondo stesso». Rinviando in questo caso alle valutazioni della Consob stessa. L’autorità guidata da Cantone, invece, non si esprime sull’eventuale incompatibilità o conflitto di interesse dovute alla legge Frattini per l’incarico di Ministro per gli affari europei ricoperto fino alla nomina da Savona. In questo caso – spiega l’Anac – la legge prevede che «la vigilanza sull’applicazione dei divieti ivi contenuti sia esercitata dall’Autorità garante della concorrenza e del mercato e dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni».(

Ti potrebbero interessare anche:

Cicchitto-Bondi, scintille dopo la scissione
Mario Monti nega ritorno in politica: nessun avvicinamento al Pd
Riforma, cambia titolo V, via legislazione concorrente
RAI/ Appalti e tangenti, tre funzionari accusati di corruzione. Sospesi. Blitz della Finanza
Bufera su Report, il M5S lo difende: se salta la trasmissione "sciopero del canone"
'GOVERNISSIMO' DI SILVIO APRE CREPA IN ASSE CON SALVINI



wordpress stat