| categoria: Dall'interno

TARANTO: CHI È TAMBURRANO L’EX PRESIDENTE DELLA PROVINCIA ARRESTATO

Ha una lunga carriera politica alle spalle Martino Carmelo Tamburrano, 60 anni, ex presidente della Provincia di Taranto, arrestato oggi per presunta corruzione e turbata libertà degli incanti dalla Guardia di Finanza nell’ambito di una inchiesta sull’ampliamento della discarica di Grottaglie. Un percorso iniziato tra la fine degli anni Ottanta e gli inizi dei Novanta con il Partito socialista e poi proseguito sempre con Forza Italia e Popolo delle Libertà. Tamburrano è stato consigliere comunale, assessore e sindaco del Comune di Massafra, poi consigliere, vicepresidente e infine presidente della Provincia di Taranto, eletto nel 2014 a quest’ultima carica in base a una delle prime applicazioni in Italia del nuovo sistema di elezione di secondo livello previsto dalla riforma delle Province voluta dall’ex ministro Graziano Del Rio. In pratica il presidente della giunta provinciale viene eletto non dai cittadini ma dai sindaci e consiglieri comunali dei vari centri delle singole province. Il politico massafrese ha ricoperto per un paio di anni contemporaneamente la carica di sindaco e quella di presidente della Provincia. Nel 2016 ha lasciato quella di primo cittadino. In occasione della sua elezione alla presidenza della Provincia nel 2014, Tamburrano ha vinto con il 64% dei voti dei singoli sindaci e consiglieri comunali.
Oltre all’appoggio del centrodestra, ha potuto contare sulla spaccatura del Partito democratico della provincia jonica. Una parte del Pd lo avrebbe sostenuto a discapito del sindaco Pd di Laterza Gianfranco Lopane, appoggiato peraltro in quella occasione dal segretario pugliese dell’epoca del Partito democratico Michele Emiliano che stava per a spiccare il volo verso la presidenza della Regione Puglia. Nell’ottobre 2018 alla presidenza dell’ente Provincia a Tamburrano è subentrato Giovanni Gugliotti, sindaco di Castellaneta, anche lui di Forza Italia. Alle elezioni del 2018 Gugliotti, però, ha ricevuto proprio l’appoggio di Lopane e del cosiddetto Patto dei Sindaci e dello stesso Emiliano, riuscendo così a sconfiggere il sindaco del capoluogo jonico Rinaldo Melucci. Tamburrano sulla questione Ilva è stato spesso su un fronte opposto a quello di Emiliano. Per esempio davanti al Tar Lecce il presidente della Provincia di Taranto si è schierato contro il ricorso presentato dalla Regione e dal Comune contro il piano ambientale. A marzo dell’anno scorso, mentre era ancora presidente della Provincia, si è candidata candidò al Senato nel collegio uninominale per Forza Italia proprio la moglie di Tamburrano Maria Francavilla ma non è stata eletta, travolta dall’onda grillina. In occasione di una intervista a un tv locale durante la campagna elettorale la candidata ha dichiarato che «noi donne a volte provochiamo la violenza negli uomini e quindi è un tema da affrontare veramente con serietà». Una presa di posizione che ha suscitato molte polemiche.

Ti potrebbero interessare anche:

Napoli, rubato l'orologio alla moglie del calciatore Zuniga. Ma è un vizio!
CINQUE TERRE/ Natale: oggi si accende il presepe luminoso di Manarola
Minacce a Saviano, assolti i boss, condannato l'avvocato
Benevento, dirigente "leggeva" le buste degli appalti con una microtelecamera. Dieci arres...
Via il pangasio dalle tavole degli italiani: è allevato in acque inquinate
I viaggi foodie conquistano sempre più i millenial



wordpress stat