| categoria: sanità

M5S, ‘COMMISSARIARE ENTE PREVIDENZA INFERMIERÌ

– «Commissariare immediatamente l’Enpapi a tutela degli infermieri». Lo chiede la deputata M5S Stefania Mammì, componente della Commissione Affari sociali della Camera, con un’interrogazione al vicepremier e ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Luigi Di Maio, e al ministro dell’Economia e Finanze, Giovanni Tria, dopo che, ricorda il Movimento 5 Stelle in una nota, «il 19 febbraio l’Istituto di assistenza e previdenza a cui sono obbligatoriamente tenuti a iscriversi gli infermieri che esercitano in modo professionale e autonomo o associato è stato decapitato dalla Guardia di Finanza di Roma per tangenti. In arresto il presidente e il direttore generale della cassa di previdenza e alcuni professionisti. La Gdf ha sequestrato somme di denaro, beni mobili e immobili per un importo di circa 350 mila euro, pari all’importo dei fatti corruttivi contestati». Mammì chiede ai ministri competenti «se abbiano proceduto a consentire l’attuazione in tempi brevi del commissariamento e, in caso di risposta negativa, quali siano le ragioni dei mancati adempimenti». Per l’esponente pentastellata, «l’ente va commissariato immediatamente e spero che i ministri Tria e Di Maio vogliano accogliere la mia sollecitazione. Dobbiamo tutelare gli infermieri e le loro pensioni. È inaccettabile che i contributi pensionistici possano essere finiti nelle tasche di qualche mela marcia». Secondo la deputata, «è necessario e urgente dare un segnale di forte discontinuità e, prima di eventuali nuove nomine, va fatta chiarezza sulle condizioni finanziarie dell’ente e su chi era chiamato a svolgere attività di controllo».
Mi impegno sin da ora – avverte Mammì – a ostacolare qualunque tentativo di annacquare il caso e fingere che non sia successo nulla. È vergognoso che milioni di euro che gli infermieri si sono guadagnati con la loro fatica finiscano in tangenti. In Enpapi va ripristinata la legalità: gli infermieri devono poter tornare a fidarsi dell’ente trascinato nel fango dai suoi vertici. È necessario il commissariamento, subito. Casi come questi arrecano un grave danno al Paese e sono un costo per tutta la collettività. I criminali vanno cacciati da enti e istituzioni anche tutelando chi trova il coraggio di denunciare».

Ti potrebbero interessare anche:

Ospedale Chieti all'avanguardia per interventi su infartuati
In Senato il ddl sulla promozione della donazione del sangue da cordone ombelicale
Una richiesta di danni ogni dieci posti letto nel Servizio Sanitario Nazionale
E' caos sui nuovi orari del medici imposti dalla Ue
Diabete, oltre 1 milione di malati in più in 15 anni in Italia
AUTISMO: LA STORIA DI ANNA MARIA, 'DA 14 ANNI LOTTO PER I MIEI FIGLÌ



wordpress stat