| categoria: Roma e Lazio

RIFIUTI: SCONTRO A PISANA TRA MONTANARI E CONSIGLIERE M5S

Scontro in commissione regionale Rifiuti tra l’ex assessore all’Ambiente di Roma Capitale Pinuccia Montanari e due consigliere regionali M5s, Valentina Corrado e Gaia Pernarella. Tema: la crisi di Ama, oggetto di una indagine conoscitiva promossa dalla commissione presieduta da un altro esponente M5s, Marco Cacciatore. «Il 23 agosto – ha detto Montanari – la richiesta di Lemmetti di cancellare i crediti per i servizi cimiteriali non è supportata da alcuna idonea documentazione. Chi scrive che non ci sono fatture dovrebbe stare attento a quello che dice – ha aggiunto riferendosi ad alcuni post pubblicati sui social da esponenti pentastellati – Le fatture ci sono, riguardano la tumulazione delle salme, la concessione dei loculi… Ci vuole una ‘due diligencè che analizzi fattura per fattura per capire bene, ma le fatture ci sono. Prego i consiglieri, soprattutto del 5 stelle che amano la trasparenza, di guardare tutta la documentazione prima di scrivere e parlare». Montanari, nel corso dell’audizione, ha espresso inoltre varie volte il suo dissenso rispetto alle scelte della sindaca Virginia Raggi, dell’assessore al Bilancio Gianni Lemmetti e del dg di Roma Capitale Franco Giampaoletti. «Sono delusa – ha detto Corrado in replica – mi aspettavo uno spessore diverso e delle precisazioni più puntuali sulla gestione dei rifiuti di Ama, mentre lei ha portato stralci di conversazione decontestualizzate e attacchi alla Sindaca e al Comune. Sembrava più concentrata a difendere Bagnacani (ex ad di Ama, ndr) che a farci capire il quadro». Pernarella ha sottolineato il fatto che «l’ex assessore si sia presentata con delle ‘suggeritricì, una delle quali era già stata la suggeritrice di Bagnacani (si trattava dell’ex cda Ama Vanessa Ranieri, ndr) e l’altra credo sia la dottoressa Matassa (ex direttore del dipartimento Ambiente del Campidoglio, ndr)». Il consigliere di Demos Paolo Ciani, esponente della maggioranza, ha commentato: «La stessa forza politica che ha nominato assessore e vertici aziendali di Ama (il M5s, ndr) ora è diventata l’accusatore dell’assessore e dell’ex ad».

Ti potrebbero interessare anche:

LA DENUNCIA/ Regione, altra imbarcata (gaffe inclusa) di nomine
"Flash mob" per il ripristino del campo di Testaccio
Zingaretti scarica Marino, sullo stadio della Roma non sono d'accordo
A Roma tazzina caffè non aumenta
EATALY ORGANIZZA PRIMO PARTY ALL'APERTO CON BARBECUE E BIRRA
RAGGI,SCONGIURATO SFRATTO 'CASA FAMIGLIA' PER DISABILI



wordpress stat