| categoria: sport

ALLEGRI LASCIA A CASA CR7, «DEVE RIPOSARE»

Niente Cristiano Ronaldo a Genova. Chi si aspettava di vederlo in campo anche domani a Marassi, cinque giorni dopo la trionfale notte di Champions, è rimasto deluso. Perfino un ‘mostrò come CR7 va centellinato – pensa Allegri, che dopo la rimonta sui Colchonores sembra non avere più detrattori. «Abbiamo concordato il programma per le prossime 4 partite. – spiega il tecnico – Non ho dovuto convincerlo, era d’accordo anche lui». Così il fuoriclasse portoghese non è nella lista dei convocati per la partita contro i rossoblu e potrà dedicare di nuovo un pò delle sue preziose energie alla Selecao portuguesa. In maglia bianconera il meglio dovrà darlo di nuovo nei quarti di Champions, contro la ‘rivelazionè Ajax; oltre alla trasferta di Genova, quindi, salterà almeno un’altra delle prossime 4 partite in serie A. «Ha bisogno di recuperare perché ha giocato tanto – è la spiegazione del tecnico bianconero – Cristiano avrà anche un doppio impegno con la sua nazionale, portarlo in giro e farlo giocare era troppo rischioso, così ho preferito lasciarlo a casa. Lui è fisicamente a posto, ma ha pur sempre 34 anni». Per il primo scontro con i lancieri olandesi, il 10 aprile ad Amsterdam, potrebbe esserci il rischio di una squalifica di CR7 per l’esultanza ‘spintà di martedì sera all’Allianz Stadium ma Allegri non vede nubi all’orizzonte: «Squalifica? No, assolutamente no. Dopo l’esultanza dei 42.000 allo stadio ci sarebbe da squalificarli tutti, non la vedo una cosa strana, ma solo un’esultanza e ognuno l’ha fatto a modo suo». CR7 non sarà l’unico assente tra i ‘big’ bianconeri, per quanto la partita con il Genoa rappresenti, in potenza, «una delle cinque vittorie che mancano» alla Juventus per trasformare il dominio sul campionato nell’ottavo scudetto consecutivo: «Chiellini potrebbe riposare, così come Matuidi, mentre in attacco mi resta il dubbio tra Mandzukic e Kean: se non giocherà dall’inizio, Moise sarà un cambio importante. In porta giocherà Perin, ma le buone notizie arrivano anche dall’infermeria: presto potremo riavere De Sciglio e Khedira». Allegri si gode il momento felice, predicando «equilibrio e calma, le doti che servono sempre. In cinque giorni – sottolinea – siamo passati dal fallimento all’essere già in finale a Madrid: in questo momento deve regnare l’equilibrio, come sempre, senza eccessi». Intanto, la Juventus prende le misure all’Ajax: «Una squadra veloce – è l’analisi dell’allenatore della Juventus – piena di giovani di qualità e che in casa è sempre molto difficile da affrontare. Ma mi piace l’atmosfera che si respirava martedì: c’era, da parte di tutti, grande entusiasmo. Segno che qualcosa sta cambiando in meglio». (

Ti potrebbero interessare anche:

CALCIOMERCATO/ Lo sceicco stoppa Ibra, la Roma cerca Dzeko
SCHEDA/ Lo sprint del mercato. Allegri&C sperano ancora nei colpi proibiti
Derby capitolino, mille agenti e zona rossa. E' sfida ad alta tensione. Con lo spettro degli hooling...
ROMA ANCORA SOTTO CHOC, CAGLIARI SFIORA IMPRESA
Coppa Italia: Lazio Milan 4-5, rossoneri in finale ai rigori
Benvenuti: "Mai avrei pensato di assistere allo spostamento dei Giochi"



wordpress stat