| categoria: Roma e Lazio

Bus a fuoco, controlli sotto accusa

Cento mezzi incendiati in due anni


La black list dei bus andati a fuoco nella Capitale, per ragioni spesso misteriose, è lunga. Molto più lunga di quanto si potesse immaginare, più lunga di certo di quanto sia trapelato su siti e giornali negli ultimi due anni: 95 vetture interessate da incendi – da quelli più circoscritti a quelli classificati come «distruttivi» – solo dal 2017 a oggi. A rivelarlo sono documenti riservati dell’Atac, spediti ai giudici del Tribunale e ai commissari del concordato preventivo, la procedura che ha salvato dal default la più grande partecipata dei trasporti d’Italia.
I report della municipalizzata parlano di 46 «episodi di incendio» nel 2017 (11 sono registrati come «distruttivi») e di altri 40 nei primi dieci mesi del 2018 (11 segnati come «distruttivi»). Ma il conto, l’anno passato, è stato ancora più pesante, perché altri quattro incendi sono scoppiati a bordo di mezzi pubblici dopo la relazione, nel mese di dicembre. E cinque casi si sono verificati in questo primo scorcio di 2019, includendo nel computo anche una navetta della Roma Tpl, il consorzio che gestisce i bus nei quartieri più periferici. Una vera e propria escalation, pensando che nel 2016 gli incendi annotati dalla società del Campidoglio si erano fermati a quota 36. Tra i 95 episodi avvenuti dal 2017 a oggi, ben 29 volte le fiamme hanno distrutto completamente il bus o lo hanno reso «difficilmente recuperabile», alimentando tra i cittadini e sui social il sarcastico trend dei flambus, che ironizza su un pericolo però molto serio. Nelle altre situazioni si sono invece registrati danni giudicati riparabili. L’ultimo rogo è quello di giovedì notte, a piazzale Clodio, incenerito un mezzo con pochi anni di servizio sulle spalle. Una circostanza che ha convinto il prefetto di Roma, Paola Basilone, a intervenire. «I numeri di questi anni parlano chiaro – spiega – Preoccupa il fatto che siano coinvolti anche mezzi recenti, in un periodo in cui le temperature non sono elevate come d’estate. Troppe anomalie, è bene che sia fatta chiarezza». Anche per questo il prefetto ha deciso di affrontare l’argomento «insieme al nuovo Questore». Il capitolo «flambus» sarà affrontato nel prossimo Comitato provinciale per l’ordine pubblico e la sicurezza, la riunione è in calendario martedì.
L’allerta è alta. Oltre al caso di piazzale Clodio, sono altri tre gli autobus dell’Atac distrutti dai roghi nei primi due mesi e mezzo del 2019. Il primo, poco dopo Capodanno: all’alba del 3 gennaio è stato devastata dalle fiamme una vettura della linea 16 ferma al capolinea di via Costamagna, al Tuscolano. Stessa sorte, tre giorni dopo, all’Epifania, per un bus della linea 338 che alle 7.30 del mattino stava percorrendo via della Bufalotta, per fortuna senza passeggeri a bordo. Sempre a gennaio, il 25, poco dopo mezzanotte sono andati contemporaneamente a fuoco due autobus: uno, dell’Atac, in via di Vigna Murata (linea 723); l’altro, di Roma Tpl, in via del Pattinaggio (771). Insomma, poco sembra cambiato dopo il rogo che ha creato maggiore spavento, quello avvenuto l’8 maggio scorso nel cuore dell’Urbe, in via del Tritone, lasciando ferita una commessa che era al lavoro in uno dei tre negozi danneggiati quando il mezzo è saltato in aria, come una bomba.

Ti potrebbero interessare anche:

Marino e la sua "squadra", ecco la road map del Campidoglio
L'autista di Atac in un video: "Vi spiego perchè a Roma il bus non passa mai"
Sciolto il nodo delle precarie negli asili, a Roma "salve in duemila"
Via dei Giubbonari, Pd moroso, il Tar ordina lo sgombero
Stadio Roma: Raggi, non ci sarà alcuna colata cemento
EMERGENZE/ Roma brucia, paghino i veri responsabili



wordpress stat