| categoria: Roma e Lazio

Traffik e Gallagher arrestati a Roma: i trapper hanno rapinato 4 fan e picchiato un bengalese

«Ci fate gli autografi?». E scatta la furia sui fan, tra cui una minorenne, tra minacce, aggressioni, furti e inseguimenti. Due famosi rapper romani, Traffik e Gallagher, di 23 e 25 anni, sono stati arrestati con l’accusa di rapina a mano armata ai danni di 4 ragazzi, una delle quali minorenne, dai Carabinieri della Stazione Roma Macao, con la collaborazione dei Carabinieri della Stazione di Novara, che hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Gip presso il Tribunale di Roma su richiesta della locale Procura della Repubblica.

Si tratta di due cantanti dello scenario «Trap» e «Hip hop» noti a livello nazionale tra i giovani, accusati di aver aggredito, la sera del 23 febbraio scorso, tre ragazzi all’uscita della stazione ferroviaria «Roma Termini», utilizzando anche una tirapugni in ferro, tentando di strappare loro i cellulari.

Leggi anche:—-> Droga, i carabinieri fermano per un controllo i rapper Pretty Solero e Ugo Borghetti: sequestrata cocaina

Le vittime si erano avvicinate ai due rapper, dopo averli riconosciuti, con l’intento di farsi firmare degli autografi. Ma il loro entusiasmo è stato tradito dalle immediate minacce ricevute, senza preavviso, unite alle violenze fisiche con cui sono stati aggrediti. Con non poche difficoltà erano riusciti a fuggire velocemente a piedi, venendo rincorsi. Durante l’inseguimento, i due aggressori si sarebbero fermati anche a picchiare un cittadino del Bangladesh, di 50 anni, che era in strada ad aspettare l’autobus, riempiendolo di calci e pugni, tentando di sottrarre il cellulare anche a lui, ma non riuscendoci per l’intervento di alcuni passanti. Per scappare dalla furia dei due, lo straniero è finito investito da un’autovettura in transito. Soccorso e trasportato all’ospedale i medici gli hanno riscontrato la frattura della gamba, una volta medicato, è stato dimesso con 30 giorni di prognosi.

Le indagini condotte dai Carabinieri della Stazione Roma Macao, competente sul quartiere Castro Pretorio, hanno permesso di ricostruire l’esatta dinamica degli eventi e di identificare i responsabili. In particolare con il riconoscimento fotografico delle vittime e anche del cittadino bengalese, che era stato rintracciato dai Carabinieri, risalendo alla cartella clinica del pronto soccorso, dove era stato accompagnato dall’ambulanza. Il 25enne è stato rintracciato dai militari della Compagnia Roma Centro mentre si trovava all’interno di una barberia del quartiere Parioli. Il suo complice, invece, è stato rintracciato a Novara dai Carabinieri della locale Stazione. I 2 indagati sono stati sottoposti agli arresti domiciliari.

Ti potrebbero interessare anche:

ALLARME ROSSO/ La Barbuta, fiamme nel villaggio rom e assalto al presidio della Cri
"Disturbano" Marino dal barbiere, trattenuti per ore due giornalisti de Il Tempo
IL COMMENTO/ L'estremo escamotage, la supersquadra per salvare Roma
Maxi rogo nel campo nomadi La Barbuta: fiamme vicine all'aeroporto
Maltempo, allerta piogge e vento: rischio disagi per le prossime 48 ore
I nuovi vigili agli incroci e ai gabbiotti



wordpress stat