| categoria: Dall'interno

GELATO DAY, TIRAMISÙ GUSTO DELL’ANNO IN TUTTA EUROPA

«Tiramisù» è la quinta parola della cucina e gastronomia italiana più conosciuta all’estero, la prima per i dolci, ed è presente nel vocabolario di 23 lingue diverse, con numeri da primato anche nelle ricerche online. Proprio questo dolce così amato è stato scelto come il gusto ufficiale del Gelato Day, la Giornata Europea del Gelato Artigianale, l’unica giornata che il Parlamento Europeo abbia dedicato ad un alimento e che viene celebrata il 24 marzo. «Oggi è la giornata europea del #gelato artigianale, una delle grandi eccellenze – ha sottolineato il ministro delle Politiche agricole e alimentari Gian Marco Centinaio suo profilo Twitter – della nostra cultura culinaria. In Italia siamo fortunati ad avere dei veri e propri Maestri della gelateria! Il gusto dell’anno è il #tiramisù. Grazie a tutti i gelatai d’Italia!!». Questa delizia, versatile nel consumo dalla merenda a fine pasto, si qualifica come un prodotto alimentare non solo gustoso, ma anche sano ed equilibrato. «Il gelato artigianale è un alimento completo – ha sottolineato il presidente nazionale dei Gelatieri di Confartigianato, Giorgio Venudo – prodotto con latte fresco, panna e uova, che guarda alle produzioni del territorio. E non ha tante calorie,nei gusti crema ce ne sono circa 130 ogni 100 grammi». Il gelato artigianale è capace di generare, solo in Europa in 50mila gelaterie, un giro d’affari di 9 miliardi, una quota che rappresenta il 60% del mercato mondiale. In Italia, secondo Confartigianato la produzione del gelato artigianale occupa 300mila addetti, molti dei quali giovanissimi, in 39mila gelaterie, delle quali 12.207 afferenti a Confartigianato. Per ogni italiano, secondo stime Coldiretti, «il consumo si attesta in 6 chilogrammi l’anno. Rilevante è anche l’impatto sull’indotto con l’utilizzo di 220mila tonnellate di latte, 64mila di zuccheri, 21mila di frutta fresca e 29mila di altre materie prime». La storia del gelato, ricorda la Coldiretti, risale alla prima metà del XVI secolo nella corte medicea di Firenze con l’introduzione stabile di sorbetti e cremolati nelle feste e banchetti, anche se fu il successo dell’export in Francia a fare da moltiplicatore globale. Negli Usa risale al 1770 l’apertura della prima gelateria a New York, grazie all’imprenditore genovese Giovanni Bosio. Da allora la corsa del gelato non si è più fermata toccando anche sedi istituzionali. «L’energia che ci anima è quella di diffondere nel mondo la bellezza Italiana attraverso la bontà del cioccolato e del gelato» ha detto nei giorni scorsi Daniele Ferrero, presidente e amministratore delegato di Venchi, che ha ricevuto dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella il Premio Leonardo Qualità Italia 2018.

Ti potrebbero interessare anche:

'Ndrangheta e appalti, 13 arresti legati al'Expo. L'azienda del boss ha il certificato antimafia
L'auto nuova? Nel 30% dei casi la sceglie il partner
Il mare d'Abruzzo perde altre due Bandiere blu: ora sono solo sei
Pesci e alghe mai visti: gli “alieni” del Mediterraneo
M5S e ong contro macellazione rituale per festività islamica
COORDINAMENTO FAMIGLIE DISABILI, LEGGE PER IL CAREGIVER È UNA TRUFFA



wordpress stat